Scorri in basso Scorri in basso

26/03/2024

SIMULATORE HUAYRA R: ESPERIENZA VIRTUALE, ADRENALI...

Il simulatore della Huayra R è un avanzato sistema di guida virtuale che riproduce con straordinaria fedeltà la vettura reale. L’impiego del simulatore rientra nel programma di training in prepar...
15/02/2024

Pagani a The I.C.E. St. Moritz 2024 con una polied...

Pagani parteciperà a The I.C.E. St. Moritz – International Concours of Elegance venerdì 23 febbraio e sabato 24 febbraio 2024. Lo spazio espositivo di Pagani Automobili ospiterà l’Utopia, per ...
08/02/2024

HUAYRA R EVO: LA SCOPERTA ESTREMA CHE ARRICCHISCE ...

  La nuova Hypercar da pista a cielo aperto spinge i confini delle prestazioni a un livello superiore. Si unirà ad Arte in Pista, l’esclusivo programma riservato ai possessori di track Hyperc...
15/12/2023

PAGANI AUTOMOBILI CELEBRA I SUOI PRIMI 25 ANNI IN ...

Pagani Automobili festeggia a Dubai i suoi primi 25 anni con un evento dedicato a clienti e partner. Per l’occasione debutta in MEA la Pagani Utopia. In esposizione anche la Zonda F Roadster e la H...
12/12/2023

PAGANI AUTOMOBILI SVELA IL NUOVO HEADQUARTER AMERI...

Pagani Automobili ha inaugurato ufficialmente la sua nuova sede americana a Coral Gables, Florida, con una cerimonia esclusiva il 7 dicembre.  L’apertura dello spazio segna un passo significat...
04/12/2023

AL MAUTO LA NUOVA TAPPA CELEBRATIVA DEL 25° ANNIV...

La mostra esplora la storia di Pagani Automobili e la sua distintiva artigianalità, da sempre basata sull’incontro tra cuore, mani e passione. Per Pagani Automobili celebrare il 25° anniversario ...
23/11/2023

PAGANI IMOLA ROADSTER, PRESTAZIONI A CIELO APERTO

Pagani Automobili presenta Imola Roadster, una versione a cielo aperto sviluppata per esprimere la massima tecnologia meccanica e aerodinamica garantendo un’esperienza di prestazioni senza comprome...
09/08/2023

PAGANI AUTOMOBILI CELEBRA IL 25° ANNIVERSARIO CO...

Pagani Automobili sarà protagonista della Monterey Car Week, l’appuntamento più atteso negli Stati Uniti dedicato al mondo delle auto storiche e moderne. Proseguono così le celebrazioni del 25Â...
06/07/2023

PAGANI AUTOMOBILI AL GOODWOOD FESTIVAL OF SPEED 20...

Esposte nello stand Pagani, Utopia e Huayra R Le Hypercars modenesi saranno protagoniste in dinamica nella leggendaria “hill climb”. Al debutto “P Zero Trofeo RS”, il nuovo pneumatico svilupp...
Scorri in basso Scorri in basso

SIMULATORE HUAYRA R: ESPERIENZA VIRTUALE, ADRENALINA REALE

  • Il simulatore della Huayra R è un avanzato sistema di guida virtuale che riproduce con straordinaria fedeltà la vettura reale.
  • L’impiego del simulatore rientra nel programma di training in preparazione agli eventi Arte in Pista.
  • È un prodotto che testimonia l’impegno di Pagani nell’offrire esperienze di qualità per i clienti e gli appassionati del brand.
  • Il progetto nasce dalla sinergia tra Pagani Automobili, Pagani Arte e Racing Unleashed.
  • Non è solo un dispositivo di guida virtuale, è un vero e proprio oggetto di design.
  • L’ingegneria d’avanguardia rende l’esperienza incredibilmente realistica e coinvolgente.

 

 

San Cesario sul Panaro, 26 marzo 2024 – Pagani Automobili è lieta di presentare il nuovo simulatore della Huayra R, un avanzato sistema di guida virtuale realizzato in collaborazione con Racing Unleashed, produttore di simulatori di alta gamma impiegati anche nell’allenamento di piloti professionisti. Il nuovo prodotto, inizialmente disponibile per i possessori di Huayra R, potrà essere acquistato da tutte le persone interessate rivolgendosi al dealer Pagani più vicino.

 

«Desideravamo creare un simulatore di guida professionale, dinamico, con un livello di immersività e realismo straordinario, che contribuisse al costante perfezionamento dello stile di guida dei nostri clienti. Ambivamo a trasformarlo in un autentico oggetto di design, un prodotto di valore artistico destinato a occupare un posto di rilievo all’interno delle dimore dei possessori di una Huayra R. Per questo, abbiamo dedicato un’estrema attenzione nella creazione di un prodotto che riflettesse la straordinaria unicità che contraddistingue le nostre auto.» (Franco Morsino, Vehicle Dynamics Lead di Pagani Automobili)

 

Grazie al simulatore, ogni driver potrà familiarizzare con la propria vettura in un ambiente sicuro, accumulare chilometri, accrescere la fiducia nelle proprie abilità e scoprire in anticipo i segreti dei tanti circuiti internazionali disponibili.

 

Arte in Pista, l’elettrizzante programma di esperienze in circuito

Arte in Pista è un programma concepito per consentire ai proprietari di Hypercar Pagani da pista di vivere al massimo le loro prestazioni grazie a un calendario ricco di eventi esclusivi non competitivi nelle più prestigiose piste FIA del mondo. Il format prevede un’esperienza completa che coniuga sessioni adrenaliniche a momenti di puro divertimento con l’assistenza tecnica del team Pagani, che include il responsabile tecnico, l’ingegnere di pista, personale meccanico, fisioterapista, nutrizionista specializzato e coach professionisti, che contribuiscono a migliorare le abilità di guida sportiva dei clienti.

 

Esperienza individuale, esperienza di community

L’introduzione del simulatore rafforza l’impegno di Pagani Automobili nel prendersi cura della propria community, poiché offre nuove possibilità di aggregazione, condivisione, apprendimento e divertimento. Le possibilità di utilizzo sono molteplici: ogni guidatore potrà scoprire i circuiti e guidare in autonomia, oppure prenotare sessioni di remote coaching per allenarsi su aspetti o tracciati specifici. Pagani organizzerà anche eventi virtuali in cui mettersi alla prova e interagire, vivendo in anteprima le esperienze degli eventi Arte in Pista con le vetture e i circuiti reali. Inoltre, i clienti avranno la libertà di organizzare sfide e sessioni tra loro in modo indipendente.

 

Il progetto frutto di sinergie interne ed esterne a Pagani

Il progetto ha origine nel 2020 coinvolgendo due divisioni di Pagani: il team di Dinamica del Veicolo di Pagani Automobili, per la creazione dei modelli realistici, e il team di Pagani Arte, che ha colto la sfida di trasportare l’essenza delle Hypercar Pagani in un prodotto di design. Le due squadre, unite, si sono rivolte a Racing Unleashed per creare una sinergia di competenze finalizzata alla realizzazione di una postazione virtuale straordinariamente fedele e immersiva; la progettazione congiunta di hardware e software ha permesso di riprodurre con eccezionale realismo i movimenti della vettura e le caratteristiche dell’asfalto.

 

«L’obiettivo di Racing Unleashed è quello di offrire le esperienze più coinvolgenti agli appassionati di motori in tutto il mondo. Oggi siamo lieti di annunciare questa partnership con Pagani Automobili, per mostrare le nostre tecnologie avanzate, con l’obiettivo non solo di intrattenere, ma anche di migliorare le competenze di guida.» (Francisco Fernandez, CEO di Racing Unleashed)

 

Il simulatore come oggetto di design

Il team di designer ha dedicato oltre un anno di lavoro per combinare la ricerca di un oggetto di interior design con la natura gaming del dispositivo. Le forme della Huayra R hanno ispirato la progettazione dell’intero simulatore, creando un oggetto dalle linee al contempo plastiche e morbide; la forma ellittica, che caratterizza anche il logo Pagani, ha risposto a questa esigenza. Il simulatore della Huayra R mira a offrire un’esperienza autenticamente Pagani, a partire dai materiali impiegati: il carbonio che compone la scocca proviene dalle stesse autoclavi dell’Atelier da cui hanno origine le Hypercar Pagani. Tutta la postazione di guida, compresi il volante, la pedaliera, la seduta e le cinture è esattamente la stessa della Huayra R, creando un oggetto la cui precisione costruttiva è più affine al mondo del design da collezione che al mondo del gaming. Alcuni componenti in alluminio dell’impianto Hi-Fi e del sistema VR sono stati lavorati con la stessa cura artigianale delle vetture Pagani, seguendo l’approccio di lavorazione dal pieno. Per stabilire un collegamento più significativo tra la vettura e il simulatore, gli sfoghi d’aria tipici delle Hypercar, utilizzati per la dispersione del calore dei freni e del motore, sono stati integrati nella base del simulatore per ottimizzare il raffreddamento dell’elaborazione software e contribuire alla fluidità dell’esperienza.

 

Ingegneria d’avanguardia per il massimo coinvolgimento

Il team di ingegneri e designer ha curato con estrema meticolosità ogni dettaglio per ricreare fedelmente la maneggevolezza, la dinamica e gli effetti aerodinamici della vettura reale, grazie ai tre gradi di libertà che possono fornire al pilota gli spunti di movimento di beccheggio, rollio e imbardata. Tutte queste caratteristiche sono state testate e convalidate in prove back-to-back da piloti professionisti e piloti di sviluppo, passando dal simulatore alla vera Hypercar. Ogni cliente di Huayra R riceverà una postazione virtuale che emula l’auto reale con minuziosa accuratezza: sono fedelmente replicati la verniciatura della struttura in fibra di carbonio, l’avanzato sistema di cinture di sicurezza attive che simulano il feedback di accelerazione longitudinale e laterale, l’emulatore dell’ABS che aiuta a modulare la frenata al limite dell’aderenza, il sedile. L’esperienza acustica è stata oggetto di particolare attenzione: i kicker integrati nel sedile e il sofisticato impianto audio 5.1 potenziano il coinvolgimento con l’inconfondibile suono del Pagani V12-R e le vibrazioni trasmesse dalla strada. Tutti i suoni si potranno ascoltare con le cuffie VR in dotazione, risultato di numerose sessioni di registrazioni a bordo pista e dentro la vettura. La dotazione hardware include un gaming computer ad alte prestazioni integrato nella base, lo schermo curvo e un Flight Case dedicato in legno di dimensioni 3 m × 1,2 m (9,84 ft × 3,94 ft). A livello software, spicca l’adozione dell’interfaccia Assetto Corsa Pro, la piattaforma di simulazione leader del settore, che garantisce ai piloti un’esperienza estremamente realistica grazie all’uso estensivo di tecnologie all’avanguardia come la scansione laser dei circuiti. Il simulatore di guida è lungo 3.110 mm (122,44 pollici) e largo 1.700 mm (66,93 pollici), ed è certificato ICE 62368-1 per il mercato europeo, nord americano e asiatico.

 

 

 

CONTATTI STAMPA

Pagani Automobili

press.office@pagani.com

Allo Shanghai Museum la mostra temporanea “Le forme dell'Aria: da Leonardo da Vinci a Pagani Utopia”

  • Dal 4 marzo al 14 aprile, Pagani Automobili porta allo Shanghai Museum la mostra temporanea “Le forme dell’Aria: da Leonardo da Vinci a Pagani Utopia” per raccontare l’influenza di Leonardo nella genesi della Hypercar che ha aperto il terzo capitolo della storia della Casa modenese.
  • La mostra s’inserisce all’interno della rassegna “Chi è Leonardo da Vinci?” per stimolare una conversazione su Leonardo, la sua pittura, i disegni, i discepoli e i capolavori dell’arte cinese dal X al XVI secolo.
  • Il 4 marzo Horacio Pagani parteciperà all’inaugurazione della mostra temporanea.
  • In esposizione uno dei modelli più iconici della storia di Pagani Automobili: la Zonda Cinque.
  • L’esposizione rappresenta la terza tappa di un percorso inaugurato a Milano al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci e proseguito a Vinci.

 

 

San Cesario sul Panaro, 27 febbraio 2024 – Dal 4 marzo al 14 aprile, Pagani Automobili porterà la mostra temporanea “Le forme dell’Aria: da Leonardo da Vinci a Pagani Utopia” allo Shanghai Museum, la più importante istituzione museale della municipalità cinese e della Cina orientale.

 

«Le automobili italiane continuano ad affascinare intere generazioni, perché sono dotate di un motore speciale: quel perfetto connubio fra scienza ed arte che alimenta da sempre la creatività italiana, come testimoniato dal genio di Leonardo da Vinci. Per questo motivo, accogliere le bellissime auto di Horacio Pagani presso lo Shanghai Museum, nel corso della grande mostra che abbiamo organizzato su Leonardo, vuol dire offrire al grande pubblico cinese una testimonianza concreta della nostra capacità di progettare, realizzare e quindi conferire concreto valore all’ingegno umano e dunque alla nostra stessa esistenza.» (Tiziana D’Angelo, Console Generale a Shanghai)

 

L’inaugurazione di “Le forme dell’Aria: da Leonardo da Vinci a Pagani Utopia” si svolge nella cornice dell’Italian Design Day 2024, la rassegna tematica annuale lanciata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione e con il sostegno del Ministero della Cultura, quest’anno dal tema “Fabbricare Valore: inclusività, innovazione e sostenibilità”.

 

Al primo piano, la mostra temporanea esplorerà il modo in cui le intuizioni di Leonardo sono state determinanti nella genesi dell’Utopia, la Hypercar che ha aperto il terzo capitolo nella storia di Pagani Automobili.

L’affidarsi senza timore alla ricerca della bellezza ha consentito di trovare quell’equilibrio tra forma e funzione che dovrebbe essere la missione di ogni designer. Questo è in accordo con la dichiarazione dell’artista-scienziato rinascimentale che da sempre guida il lavoro di Horacio Pagani e della sua squadra: «Arte e Scienza sono due discipline che devono camminare mano nella mano».

 

Di quest’automobile si potrà ammirare l’intera evoluzione narrata come se fosse una creatura vivente, dai primi disegni originali della vettura ai componenti più rappresentativi: il leverismo del cambio, la pedaliera, i quattro scarichi, i gruppi ottici, il volante, la consolle centrale, il cerchio, lo pneumatico Pirelli e il cofano anteriore.

 

Al piano terra, i visitatori potranno rivivere i momenti essenziali della storia di Pagani Automobili grazie alla sezione “La storia di un sogno”, che ripercorre l’avventura di Horacio Pagani dal bambino che realizzava modellini in legno di balsa in Argentina al designer e costruttore di alcune delle automobili più amate degli ultimi decenni.

 

“Chi è Leonardo da Vinci?”, a Shanghai le opere originali di Leonardo

Accanto all’esposizione temporanea si troverà la mostra “Chi è Leonardo da Vinci?”, dedicata al grande artista, alla sua pittura e ai suoi disegni affiancando alle sue opere alcuni capolavori dell’arte cinese dal X al XVI secolo, provenienti dalle collezioni dello Shanghai Museum.

 

Protagonista della mostra è La Scapiliata, opera autografa di Leonardo proveniente dalla Galleria Nazionale di Parma (Complesso Monumentale della Pilotta).

La mostra espone al Museo di Shanghai anche undici pregiatissimi folia originali di Leonardo dal Codex Atlanticus e opere dei suoi discepoli, tra cui due disegni di Giovanni Antonio Boltraffio, un disegno di Francesco Melzi e un dipinto di Bernardino Scapi (noto come Luini), tutte provenienti dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano.

Inoltre, due disegni di Michelangelo, contemporaneo di Leonardo, giungono da Casa Buonarroti di Firenze.

 

La collezione italiana dialoga con alcuni capolavori dello Shanghai Museum, opere di illustri pittori cinesi quali Zhao Yong (c. 1289?1369), Shen Zhou (1427?1509) e Tang Yin (1470–1523).

 

Il progetto espositivo è arricchito dalla sezione “Leonardo: the Machine of Imagination” ideata da Studio Azzurro, uno dei più rinomati collettivi europei di ricerca artistica con i linguaggi delle nuove tecnologie, prodotta dall’Istituto della Enciclopedia Italiana-Treccani. È un’opera d’arte contemporanea animata da una serie d’installazioni (Osservazioni sulla natura, Città e Paesaggio, Tavolo anatomico e Pittura), in cui scenografia, videoarte e suoni concorrono inscindibilmente a sollecitare il potere dell’immaginazione di ogni visitatore.

 

«Leonardo da Vinci viene definito ‘l’uomo universale’ perché ha influenzato ogni disciplina, dall’arte alla scienza. La sua figura rappresenta l’ideale a cui ognuno di noi dovrebbe aspirare, non solo per le abilità eclettiche, ma soprattutto per le qualità umane, come l’umiltà, la curiosità e la passione per la ricerca. In particolare, Leonardo è stato uno dei primi a sostenere che l’arte e la scienza possono camminare insieme, mano nella mano, e che la distanza tra le due discipline è in realtà solo apparente. Questo concetto è importante perché può ispirare un nuovo modo di interpretare qualsiasi attività umana, ed è ciò che permette di realizzare creazioni veramente universali.» (Horacio Pagani, Founder & Chief Designer di Pagani Automobili)

 

«Leonardo da Vinci continua ad affascinare e a ispirare intere generazioni con il suo ingegno. È perciò con grande orgoglio che Treccani, da sempre impegnata nella promozione della cultura e dell’arte italiana nel mondo, ha partecipato a questo progetto in collaborazione con lo Shanghai Museum, la più prestigiosa istituzione museale della Municipalità di Shanghai, con il sostegno dell’Ambasciata d’Italia nella Repubblica Popolare Cinese, del Consolato Generale e dell’Istituto Italiano di Cultura a Shanghai. La mostra, frutto del lavoro di un comitato curatoriale italo-cinese, che vede impegnati i direttori delle istituzioni partner ed esperti internazionali di alto profilo, cerca di rispondere alla fondamentale domanda: ‘Chi è Leonardo da Vinci?’ esplorando, grazie a importanti prestiti generosamente concessi dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano, dal Complesso Monumentale della Pilotta di Parma, da Casa Buonarroti di Firenze, i molteplici aspetti della personalità e dell’opera di questo genio enciclopedico.» (Massimo Bray, Direttore Generale dell’Istituto della Enciclopedia Italiana-Treccani)

 

«L’aspirazione sottesa di questa mostra su Leonardo da Vinci che dialoga idealmente con l’arte pittorica cinese allo Shanghai Museum è credere che nessun popolo abbia il monopolio della conoscenza o dei contributi ai saperi dell’esperienza e che i portati dell’investigazione umana siano reciprocamente riconosciuti e onorati, seguendo così sempre e ovunque lo spirito di comunanza, che tende spontaneamente a unire piuttosto che a separare, a dividere e a contrapporre.» (Francesco D’Arelli, Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Shanghai)

 

Horacio Pagani all’inaugurazione della mostra

Il 4 marzo Horacio Pagani giungerà a Shanghai per inaugurare la mostra e raccontare l’influenza che l’indiscusso genio del Rinascimento ha da sempre nell’ispirazione del lavoro proprio e del suo team. Pagani Automobili è infatti un Atelier creativo in cui una comunità di persone pratica quotidianamente l’esercizio del pensiero e della destrezza manuale, in accordo con la filosofia di Leonardo, che illumina la strada per risolvere le grandi complicazioni della meccanica. L’obiettivo di Pagani è realizzare oggetti sartoriali che mirano a raggiungere l’apice della sintesi tra innovazione tecnologica e piacevolezza estetica.

 

In esposizione un modello iconico della storia di Pagani Automobili: la Zonda Cinque

Presentata al Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra nel 2009, la Zonda Cinque nasce con l’obiettivo di essere la Zonda stradale più estrema di sempre, limitata a soli cinque esemplari.

Il progetto prende ispirazione dai progressi tecnologici della Zonda R, un veicolo selvaggio e innovativo progettato esclusivamente per la pista.

La Zonda Cinque è la prima vettura stradale ad adottare un telaio in carbo-titanio, offrendo numerosi vantaggi in termini di leggerezza, resistenza e prestazioni.

Eredita soluzioni aerodinamiche dalla Zonda R, come le prese d’aria sui cofani e sul tetto, insieme a nuovi spoiler anteriore, alettone posteriore regolabile ridisegnato, fondo piatto e scivoli posteriori modificati. L’insieme di queste caratteristiche consente alla Cinque di generare un carico aerodinamico di 750 kg a 300 km/h.

Lo spiccato aspetto racing deriva anche dalle ruote, con serraggio monodado e finiture nere o anodizzate, e dai sedili con cinture a quattro punti, insieme a roll-bar in acciaio cromo-molibdeno rivestito in carbonio.

Per la prima volta, una Zonda monta un cambio sequenziale 6 marce robotizzato.

Gli interni sono progettati per massimizzare il piacere di guida, con leve ergonomiche dietro al volante e strumenti di controllo riprogettati per offrire il massimo livello di precisione.

La livrea distintiva e i colori della Zonda Cinque esprimono il costante impegno di Pagani nel creare una sofisticata combinazione di stile, ricerca e sviluppo tecnologico.

 

In esposizione, la Zonda Cinque Coupé 1 di 5, dell’anno 2009, che presenta esterni in bianco perla New York con dettagli rossi, la distintiva livrea Cinque e fibra carbonio a vista; gli interni sono realizzati in pelle e Alcantara nero.

 

Il percorso de “Le forme dell’Aria”, da Milano a Vinci a Shanghai

L’esposizione “Le forme dell’Aria: da Leonardo da Vinci a Pagani Utopia” è la terza tappa di un percorso inaugurato a Milano, proseguito nella città natale di Leonardo e ora giunto in Asia.

 

«Nel 2022, in occasione dell’anteprima mondiale di Pagani Utopia, il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano ha ospitato la mostra “Le forme dell’Aria”. All’interno della suggestiva Sala del Cenacolo è stata in esposizione la nuova Hypercar circondata da sei disegni originali di Leonardo da Vinci, un doppio percorso: da un lato la straordinaria intelligenza di un uomo capace — sei secoli fa — di rappresentare anche l’invisibile attraverso una rassegna di fogli tratti dal Codice Atlantico e dedicati agli studi sull’aria e alla loro applicazione; dall’altro il pensiero che ha portato il designer Horacio Pagani e il suo team a concepire il progetto Utopia. Nel 2023, a Vinci, è stato presentato il libro omonimo, un’opera che vuole approfondire il progetto Utopia e il legame tra l’artista rinascimentale e l’elemento dell’aria.

Il prossimo capitolo si svolgerà allo Shanghai Museum, dove la mostra “Le forme dell’Aria” affiancherà l’esposizione “Chi è Leonardo da Vinci?”

Questo connubio tra Arte, Scienza e Tecnologia offre un’esperienza di visita unica: la mente poliedrica e curiosa di Leonardo è un esempio di genialità senza confini, il progetto Utopia incarna l’ingegno nel design automobilistico. Entrambi rappresentano maestria, visione e innovazione, dimostrando che queste abilità straordinarie trascendono epoche e discipline.» (Luigi Ganzerli, Communication Supervisor & Project Manager di Pagani Automobili)

 

A questo link è possibile trovare maggiori informazioni sull’evento di di unveiling della Pagani Utopia.

A questo link è possibile scoprire i dettagli della pubblicazione Utopia. Le forme dell’Aria — Da Leonardo da Vinci a Pagani Utopia di Pietro C. Marani, Robert Puyal e Horacio Pagani.

A questo link è possibile trovare maggioriinformazioni sulla Pagani Utopia.

 

 

 

CONTATTI STAMPA

Pagani Automobili

press.office@pagani.com

Pagani a The I.C.E. St. Moritz 2024 con una poliedrica esposizione di design: per la prima volta all’evento l’Utopia e i progetti di Pagani Arte.

  • Pagani parteciperà a The I.C.E. St. Moritz – International Concours of Elegance venerdì 23 febbraio e sabato 24 febbraio 2024.
  • Lo spazio espositivo di Pagani Automobili ospiterà l’Utopia, per la prima volta all’evento, e la Zonda F che nel 2007 stabilì il record per auto di produzione al Nürburgring.
  • Pagani Arte, la nuova divisione dedicata all’interior design, arrederà una lounge con gli arredi della Iconic Collection e la fotocamera Pagani by Gibellini GP810HP.

 

 

San Cesario sul Panaro, 15 febbraio 2024 – Pagani rinnova la sua partecipazione a The I.C.E. St. Moritz – International Concours of Elegance, venerdì 23 febbraio e sabato 24 febbraio 2024.

L’esclusiva competizione dell’Engadina riunisce ogni anno collezionisti, piloti e appassionati che giungono da tutto il mondo per ammirare un parterre di auto da sogno sulla superficie ghiacciata del lago.

Per l’occasione, Pagani esporrà i risultati dei suoi ultimi progetti, che riflettono lo spirito eclettico di Horacio Pagani e del suo team, dall’automotive, all’arredamento, alle prestigiose collaborazioni d’eccellenza.

Ogni espressione condivide l’obiettivo di creare oggetti di prezioso artigianato, su misura, frutto di una ricerca incessante e di una meticolosa attenzione ai dettagli, per raggiungere l’equilibrio ideale tra forma e funzione.

La fonte di ispirazione trasversale è la visione di Leonardo da Vinci, secondo cui «Arte e Scienza sono due discipline che devono camminare mano nella mano».

 

In esposizione la Pagani Utopia e la Zonda F

Per la prima volta all’evento parteciperà l’Utopia, vettura che ha aperto il terzo atto nella storia di Pagani Automobili.

È una Hypercar dalle linee sinuose che trascendono il tempo, in cui l’ispirazione agli anni Cinquanta e Sessanta si fonde con una spiccata personalità inconfondibilmente Pagani.

Nasce con l’obiettivo di essere un’auto semplice, impostata sul piacere di guida. Numerose sono le caratteristiche che la rendono una vettura controcorrente: i suoi interni, ad esempio, riscoprono il fascino della strumentazione analogica; in controtendenza è anche la possibilità di guida anche con cambio manuale a sette rapporti, così come la scelta di favorire la leggerezza con un motore V12 costruito da AMG sulle indicazioni di Pagani.

La produzione della prima serie di Utopia Coupé è limitata a novantanove esemplari, tutti già assegnati a una ristretta cerchia di appassionati.

 

Sarà esposto anche lo pneumatico Pirelli P Zero™ Trofeo RS, sviluppato su misura per l’Utopia da Pirelli, con l’obiettivo di elevare l’esperienza di guida sportiva su strada e in pista. Compito raggiunto anche grazie alle mescole scelte; in particolare, per gli pneumatici posteriori è stata adottata la più performante della gamma, capace di dare velocità e sicurezza in pista, facilità e prevedibilità nelle reazioni su strada. Inoltre, grazie all’utilizzo di un lungo processo di sviluppo virtuale, si è lavorato su un’ottimizzazione dell’impronta a terra per offrire più aderenza e controllo.

 

All’esterno dello spazio espositivo si troverà la Zonda F Coupé che nel 2007 stabilì il nuovo record per auto di produzione (7’27”82) sui 20,6 km del Nürburgring, il più importante campo di sfida per costruttori di hypercar. La lettera ‘F’ è un tributo a Juan Manuel Fangio, uno dei più celebri e amati piloti di Formula 1 della storia, oltre che amico e garante del sogno di Horacio Pagani. La vettura presenta una livrea bicolore con esterni grigio chiaro e carbonio a vista e interni in pelle rossa. La cura degli interni è attenta e meticolosa come da tradizione Pagani e si esprime nel volante Nardi, nelle rifiniture in legno e nel cruscotto ispirato ai principi del mestiere adottati dagli antichi orologiai. Il peso della vettura è ridotto al minimo, grazie all’impiego di particolari in titanio, alluminio ed Inconel.

 

Le prime creazioni di Pagani Arte arrederanno lo spazio espositivo

Pagani Arte è la nuova divisione di Pagani che esporta l’approccio unico nel concepire e realizzare automobili nel contesto dell’interior design.

È una realtà che nasce dall’esigenza creativa di progettare oggetti caratterizzati da preziosa artigianalità, sofisticata tecnologia e straordinaria cura del dettaglio. Fedele alla tradizione Pagani, l’ispirazione trova radici nell’eclettismo di Leonardo da Vinci. Il nome stesso, ‘Arte’, trae origine dall’ideale di coniugare Arte e Scienza, come concepito dal genio del Rinascimento, che vedeva le due discipline camminare insieme, mano nella mano.

 

L’area lounge dell’esposizione sarà arredata da una serie di pezzi della Iconic Collection, personalizzati con finiture e rivestimenti esclusivi dedicati all’evento.

Tra gli elementi si potranno osservare l’Iconic Sofa, l’Iconic Coffee Table, l’Iconic Sideboard, l’Iconic Dining Table e due Iconic Bergere.

Con queste parole Horacio Pagani descrive la filosofia che ha guidato la concezione e la realizzazione della collezione: «Niente rivela la nostra essenza più della nostra casa, perché riflette ciò che siamo e come viviamo. Abbiamo utilizzato gli stessi materiali impiegati nelle nostre Hypercar, per trasferire sugli elementi d’arredo le prestazioni tecnologiche tra le più avanzate al mondo. L’abilità dei nostri maestri artigiani nel lavorare materiali tra cui carbonio, alluminio, titanio, pelle e legno diventa il cuore e l’anima delle nostre creazioni. Così come le nostre auto, la linea Pagani Arte è il frutto di un’attività fatta a quattro mani insieme al cliente.»

 

Un angolo dello spazio sarà dedicato alla fotocamera Pagani by Gibellini GP810HP.

La macchina fotografica GP810HP nasce dopo due anni di analisi, studi e ricerche che hanno portato a integrare il know-how tecnico di Gibellini con l’esclusività del design e dei materiali Pagani.

Un’armoniosa fusione da cui nasce un oggetto unico ed esclusivo a tiratura limitata.

Realizzata interamente in alluminio e titanio con elementi ricavati dal pieno, la GP810HP è una macchina fotografica di grande formato con supporto analogico, dove il sensore su cui viene impressa la fotografia è una lastra fotosensibile di grandi dimensioni: 20×25 cm.

Il DNA Pagani si percepisce immediatamente. La testa rotante è interamente in alluminio ricavata dal pieno, mentre il treppiede professionale è stato concepito in carbonio rivestito in pelle, e il piedistallo dove appoggiare la fotocamera è realizzato anch’esso in fibra di carbonio, alluminio e Alcantara.

È prevista la possibilità di configurare la macchina fotografica esattamente come la configurazione della propria vettura, a firma di un concept e di un design esclusivi.

Il modello GP810HP, come ogni creazione Pagani, si può acquistare esclusivamente tramite i canali ufficiali di Pagani Automobili o si può ordinare rivolgendosi ai dealer Pagani nel mondo.

 

A questo link è possibile trovare maggiori informazioni sulla Pagani Utopia.

A questo link è possibile trovare maggiori informazioni sul Pirelli P Zero™ Trofeo RS.

A questo link è possibile trovare maggiori informazioni sulla Zonda F.

A questo link è possibile trovare maggiori informazioni sulla Pagani by Gibellini GP810HP.

 

 

 

CONTATTI STAMPA

Pagani Automobili

press.office@pagani.com

HUAYRA R EVO: LA SCOPERTA ESTREMA CHE ARRICCHISCE IL PROGRAMMA ARTE IN PISTA

 

  • La nuova Hypercar da pista a cielo aperto spinge i confini delle prestazioni a un livello superiore.
  • Si unirà ad Arte in Pista, l’esclusivo programma riservato ai possessori di track Hypercar.
  • L’ispirazione è multiforme: dalle auto delle Formula Indy alle vetture storiche di Le Mans.
  • Il design d’impostazione ‘codalunga’ è frutto di un’evoluzione studiata nel suo ambiente naturale: la pista.
  • Il cuore pulsante è il propulsore Pagani V12-R Evo, che eroga 900 CV (662 kW) a 8.750 giri/min e una coppia massima di 770 Nm.
  • Migliora l’efficienza aerodinamica, incrementando la deportanza del 45%, tutelando al contempo la spiccata facilità di guida.
  • Il cockpit si ispira alle più innovative applicazioni del mondo motorsport in materia di sicurezza.
  • Le sospensioni migliorano in stabilità e precisione grazie al nuovo sistema heave damper.
  • Evolve l’impianto frenante con i nuovi dischi carboceramici CCMR autoventilati accoppiati a pastiglie racing maggiorate.
  • Dallo sviluppo virtuale alla pista, i Pirelli P Zero™ Slick garantiscono il massimo controllo sull’asfalto in ogni sua condizione.

 

 

San Cesario sul Panaro, 08 Febbraio 2024 — Pagani Automobili presenta la Huayra R Evo, la nuova vettura a cielo aperto che eleva l’esperienza del programma Arte in Pista. Prestando attenzione proprio a questo club esclusivo di proprietari di Hypercar da pista, il team Pagani ha esplorato nuove potenzialità in ambito stilistico e tecnico, dando vita a una vettura scoperta ancora più entusiasmante ed estrema.

 

«La Huayra R e il programma Arte in Pista hanno ampliato l’esperienza dei nostri clienti con il marchio Pagani oltre le nostre più rosee aspettative, offrendo una nuova opportunità anche ai proprietari di Zonda R e Zonda Revolución. La richiesta del programma Arte in Pista, in cui aficionados di tutto il mondo si incontrano per condividere la loro passione comune, ci ha portato a pensare a un’aggiunta al programma. È nostro piacere condividere con voi la Huayra R Evo, che spinge i confini delle prestazioni ancora più in là, così come le emozioni. Cominciamo ad aprire il tetto e proseguiamo da lì…» (Horacio Pagani, Founder & Chief Designer di Pagani Automobili)

 

Arte in Pista, un programma adrenalinico per un club esclusivo di clienti appassionati

Nel 2021, in occasione del lancio della Huayra R, Pagani Automobili ha annunciato l’avvio del programma Arte in Pista, un calendario ricco di appuntamenti personalizzati per consentire ai possessori del nuovo modello, insieme a quelli di Zonda R e Zonda Revolución, di portarle al massimo delle prestazioni.

Il cuore di Arte in Pista è costituito da eventi esclusivi non competitivi nei più prestigiosi circuiti FIA del mondo, che coniugano sessioni adrenaliniche a momenti di puro divertimento. Il format prevede un’esperienza completa in circuito e l’assistenza tecnica del team Pagani, che include il responsabile tecnico, l’ingegnere di pista e il personale meccanico dedicato per ogni veicolo, il fisioterapista e il nutrizionista proveniente dal motorsport. Fiore all’occhiello del programma è il supporto di piloti professionisti, che contribuiscono a migliorare le abilità di guida sportiva dei clienti.

 

«I was fortunate to be able to attend all of the Arte in Pista events during 2022 and I am so pleased I made the time to do so. I felt very much part of the Pagani family, and the level of care and organization were extraordinary. I had nothing to worry about, the Pagani team took care of everything, allowing me to focus all my time and energy on my new Huayra R at the amazing circuits we visited. My family and friends were made to feel very welcome, which made the whole experience even more special for me. I feel I should also mention the driver coaching and race mechanics that were there to support each event. Having raced myself in the past, I could appreciate the quality and level of detail. It does feel like you’re part of a professional race team, with data analysis, driver coaching, timing, and physio.» (M.R. – Huayra R owner)

 

«A program like Arte in Pista has several key components: the cars, the events, and the people. The Huayra R is just as incredible to drive as it is stunning to look at. Having experienced two years of Arte in Pista with the Huayra R, I am still blown away by the car’s performance and its breadth of capabilities. And the sound! You feel like you’ve been transported back in time to the glory days! The Pagani team that runs the events has to be amongst the world’s best. In addition to managing the cars and the track activities like a professional racing team, they take care of the participants and their families so well that it wouldn’t be much of a stretch to say that these events are worth attending even if you weren’t driving! The level of focus and commitment I’ve seen in most of the participants is seriously impressive. As fun as it is to just be able to drive a car like this on the track, most people in the program are willing to put in the (very) hard work needed to consistently improve. I am very much looking forward to the next season, and beyond!» (A.S. – Huayra R owner)

 

La genesi di un progetto scaturito dal mondo delle corse

«L’ispirazione sul design della Huayra R Evo mi è venuta in occasione di una gara Formula Indy a Nashville: osservando come erano fatte le celebri monoposto aperte e dotate di Aeroscreen, ho pensato di creare una vettura con avvolgenti superfici in policarbonato e con la possibilità di togliere i due tettucci per sentire ancora di più il fascino dell’aria e il suono del V12 aspirato.

Da qui siamo partiti con l’obiettivo di realizzare una macchina bella, per quanto questo termine sia soggettivo, che fosse armonica nelle linee e con un carattere forte. Il risultato finale è un’autentica evoluzione della Huayra R, una delle vetture più amate dalla nostra clientela.

Abbiamo rivolto il nostro sguardo anche al passato, prendendo spunto dalle bellissime auto di Le Mans che correvano a cavallo degli anni ‘60 e ‘70, dove c’erano anche le velocissime versioni ‘codalunga’.

Con queste premesse stilistiche abbiamo lavorato meticolosamente sul design, sull’aerodinamica e su ogni più piccolo dettaglio, come siamo abituati a fare in Pagani Automobili e come si aspettano i nostri clienti.

È stato un progetto molto interessante che ha visto tutto il team impegnato per circa due anni in test ed eventi di Arte in Pista, in modo da raccogliere più informazioni possibili dai nostri clienti, collaborando assiduamente con i nostri partner storici, come Pirelli e Brembo, per sviluppare componenti di altissima qualità destinati a una vettura esclusiva come la Huayra R Evo.» (Horacio Pagani, Founder & Chief Designer di Pagani Automobili)

 

Nella ricerca di esaltare ulteriormente l’esperienza del guidatore, Horacio Pagani e il suo team hanno plasmato la nuova Huayra R Evo ispirandosi ai tempi in cui i piloti erano esposti alle intemperie nella loro ricerca della vittoria, con le auto a tetto aperto. Nasce così una vettura audace e aggressiva, sviluppata senza implicazione di regole, fatta eccezione per la sicurezza, con l’unico obiettivo di galvanizzare anche il pilota più esperto con performance senza compromessi. Grazie a un significativo aumento della potenza, delle prestazioni di frenata, dell’efficienza aerodinamica e del carico verticale, la Huayra R Evo è in grado di offrire prestazioni equivalenti a quelle delle auto da corsa Le Mans Prototype 2, per offrire un’esperienza quantomai vicina all’epico mondo delle corse di durata, che hanno trasformato piloti in eroi ed auto sensazionali in eterne leggende.

 

Il design frutto di una evoluzione studiata nel suo ambiente naturale

«Quando è nata la Huayra R avevamo in mente una vettura estrema, espressione di un grande desiderio di libertà. Con presupposti come questi, in quel momento non era possibile pensare già ad una sua futura evoluzione, ma grazie al programma Arte in Pista e alle esperienze accumulate ci siamo lasciati ispirare da nuovi stimoli. La natura ci insegna come ogni organismo tenda a evolvere per adattarsi alle condizioni ambientali e questo principio ha guidato la creazione del progetto Huayra R Evo. Il termine ‘Evo’ riflette la trasformazione di una Hypercar che si adatta sempre meglio al suo ambiente naturale — la pista — integrando nuovi elementi ed evolvendo in termini di prestazioni e guidabilità.» (Francesco Perini, Head of Technical Department di Pagani Automobili)

 

Molte delle peculiarità del design della Huayra R Evo appaiono evidenti dal primo sguardo: nella parte anteriore, la squadra di designer ha concepito un layout compatto e aerodinamicamente efficiente attraverso un sofisticato sistema di convogliatori d’aria per gestire l’ottimale ripartizione del raffreddamento necessario tra dischi dei freni, pinze e radiatore acqua. Questo sistema di convogliazione è integrato e sorretto dallo splitter, prolungato anteriormente di 101 mm (~ 4 pollici), caratterizzato da un profilo aerodinamico dedicato che esalta le potenzialità della vettura. Insieme ad esso, la doppia fila di flick sul cofano concorre al carico aerodinamico sull’assale anteriore, essenziale per il massimo controllo in fase di inserimento curva.

Dal cofano anteriore, la sinuosa linea di cintura e i brancardi sfiancati esaltano la percezione di leggerezza dando luogo ad un sistema di flussi essenziale per la funzionalità in condizioni estreme. Si tratta di una complessa fusione di forme e superfici che, da un lato, permette lo sfogo dell’aria e del calore accumulati negli archi dei passaruota anteriori e, dall’altro lato, contribuisce a generare un flusso d’aria che pulisce aerodinamicamente il vano motore posteriore.

Queste caratteristiche si equilibrano con l’allungamento di 190 mm (~ 7,5 pollici) della parte posteriore, basata sull’idea di ‘codalunga’. L’imponente e sinuoso cofano posteriore sorregge la nuova pinna centrale stabilizzatrice e il gruppo dei supporti integrati all’alettone dotato di alette laterali metalliche — evocatrici delle icone del passato. Completa la carrozzeria un estrattore posteriore che incorpora le caratteristiche pinne aerodinamiche essenziali per linearizzare i flussi d’aria nella parte posteriore del veicolo. Tutte queste evoluzioni hanno comportato anche un aumento della superficie del fondo aerodinamico, un aspetto considerato attentamente durante la progettazione di ogni dettaglio della vettura e della sua guidabilità affinché fosse estrema e intuitiva allo stesso tempo – sia osservandola nei box attraverso l’espressione del suo design, sia durante l’esperienza di guida sui tracciati più prestigiosi.

La carrozzeria è costituita dall’innovativa fibra di carbonio di Classe A, appositamente sviluppata per l’Utopia con particolare attenzione alle applicazioni estetiche. Questa fibra, progettata per migliorare sia l’aspetto visivo sia le prestazioni strutturali, ha contribuito a un incremento del 38% delle caratteristiche di rigidezza a parità di peso, ottimizzando l’impiego di materiale e rendendo la vettura più leggera.

 

Il propulsore Pagani V12-R Evo da 900 CV

Fulcro del progetto Huayra R Evo è ancora la collaborazione strategica tra Pagani e HWA AG, la quale dà vita a un propulsore aggiornato e potenziato, il V12-R Evo, liberando così tutto il potenziale della nuova Hypercar da pista. Dotato della più moderna tecnologia derivata dal mondo delle competizioni, il nuovo motopropulsore eroga una potenza di 900 CV (662 kW) a 8.750 giri/min e una coppia massima di 770 Nm, già disponibile da 5.800 fino a 8.200 giri/min. La Huayra R Evo nasce per offrire le massime prestazioni in pista fino alla linea rossa dei 9.200 giri/min. Un obiettivo che per i tecnici di HWA AG e Pagani ha significato non solo puntare all’incremento di potenza come elemento chiave della ricerca, ma anche intervenire su altri componenti fondamentali, come il collettore di aspirazione, corredato da un nuovo design delle trombette e nuovi alberi a camme al fine di ottimizzare il delicato processo di aspirazione. Inoltre, il team è intervenuto sia sulla calibrazione della centralina motore, sia sul design dell’impianto di scarico per esaltare le prestazioni e fornire un sound unico. In queste dinamiche di perfezionamento, ogni elemento è stato plasmato con cura e passione per far risuonare l’anima della vettura in tutto il suo impeto.

Il cambio sequenziale a sei rapporti è progettato in collaborazione con HWA AG e dedicato alla famiglia Huayra in versione da pista. Attuato da una frizione racing a 3 dischi in metallo sinterizzato, il cambio a innesti frontali garantisce un’efficienza di attrito del 95%, offrendo massima precisione in inserimento di marcia, tempi di cambiata estremamente ridotti e un peso complessivo di appena 80 kg (176 lb). Fissato saldamente alla scocca assieme al motore, in modo tale da contribuire alla rigidezza generale del telaio e resistere agli alti carichi dinamici, l’intero sistema di trasmissione è progettato per integrarsi strutturalmente a tutto il gruppo sospensioni attraverso punti di fissaggio dedicati, al fine di garantire la massima efficacia architetturale della vettura.

 

Maggiore efficienza aerodinamica con il tetto aperto

Il design pulito della Huayra R Evo segue l’evoluzione dell’aerodinamica in un rapporto simbiotico, capace di esaltare le prestazioni più estreme ma, al tempo stesso, di garantire sicurezza e trasmettere la massima confidenza al pilota.

L’impostazione ‘codalunga’, con l’evidente allungamento dell’estrattore e del cofano posteriore, ha comportato una completa revisione aerodinamica del veicolo. Un lavoro lungo e meticoloso, che ha portato il team a confermare un principio emerso proprio con lo sviluppo della Huayra R: al modificare dell’estetica della vettura, infatti, miglioravano di pari passo anche le prestazioni e l’efficienza aerodinamica, a riprova dell’importanza della ricerca della bellezza intesa come massima unione di forma e funzione, in ogni aspetto della progettazione. Ciò consente le massime prestazioni aerodinamiche garantendo un comportamento sicuro e prevedibile in ogni condizione. A parità di resistenza, il risultato è un impressionante aumento della deportanza del 45% accompagnato da un aumento dell’efficienza del 21%.

Ogni linea e superficie della nuova Hypercar è concepita per generare il massimo carico aerodinamico: a 320 km/h (199 mph) in assetto ribassato la vettura genera un carico verticale superiore al suo stesso peso in ordine di marcia. Tutto questo potenziale ha richiesto anche un bilanciamento accurato, pari al 45% – 55% di distribuzione per tutto l’inviluppo di velocità, e una ridotta sensibilità all’altezza da terra, garantendo la stabilità in frenata e in curva anche grazie al contributo dei due flap posteriori mobili e delle strategie di gestione della sofisticata aerodinamica attiva.

Di particolare rilevanza è il tetto aperto che, contrariamente a quanto si possa pensare, rende l’aerodinamica ancora più efficiente. La configurazione a cielo aperto determina un guadagno di carico verticale, sia all’anteriore che al posteriore, incrementando la deportanza totale di un ulteriore 5%.

 

Cockpit ispirato alle più innovative tecnologie automobilistiche

Comfort e prestazioni di una vettura sportiva non hanno senso senza essere combinati ad un ambiente che offre massima sicurezza, aspetto primario su cui il team di Pagani Automobili non scende mai a compromessi.

La monoscocca della Huayra R Evo integra diversi elementi per ridurre al minimo il peso, dalla gabbia di sicurezza alle strutture di sedute e poggiatesta, ed è realizzata con le più recenti tecnologie relative ai materiali compositi avanzati messe a punto dall’Atelier, quali il Carbo-Titanium HP62-G2 e il Carbo-Triax HP62.

Gli interni sono equipaggiati con cinture di sicurezza a sei punti e sedili rivestiti in materiale ignifugo, la cui speciale imbottitura in schiuma Ener-Core EC 50 garantisce una posizione di guida ottimale, adattandosi perfettamente al profilo morfologico di pilota e passeggero, mentre i poggiatesta sono provvisti di apposite protezioni laterali per il casco.

Il nuovo cockpit garantisce piena visibilità frontale e introduce un tocco di eleganza non comune nelle vetture da pista: dall’interno, alzando lo sguardo, si potrà osservare un gioco di linee sinuose che si integrano armoniosamente sulla la struttura del tetto. Questo consente di godere di un interno attentamente curato anche durante le sessioni più estreme in pista.

La Huayra R Evo può essere configurata sia col posto di guida a destra sia a sinistra, a conferma dell’esclusività e dell’artigianalità distintive di Pagani.

Tutto riconduce alla ricerca della massima sicurezza e protezione, senza per questo intaccare quella bellezza essenziale che connota la vettura, fuori e dentro, secondo il binomio leonardesco ‘Arte e Scienza’. Il progetto Huayra R Evo conferma la grande attenzione verso il cliente e un know-how tecnico di prim’ordine, capace di trasformare un sogno di guida estrema in una realtà concreta.

 

Sospensioni impreziosite da un nuovo heave damper

La Huayra R Evo eredita l’inedita cinematica e la sofisticata geometria del gruppo sospensioni sviluppate ad hoc per la Huayra R, uno dei momenti progettuali e sperimentali più intensi mai vissuti dall’Atelier Pagani.

Un’importante novità completa l’attività sulle sospensioni: l’integrazione di un heave damper, terzo elemento idraulico che separa la gestione dei modi della scocca da quelli degli ammortizzatori indipendenti delle quattro ruote.

Con sospensioni a doppi triangoli sovrapposti realizzate in lega di alluminio forgiato, molle elicoidali e ammortizzatori attivi a controllo elettronico, l’intera configurazione del nuovo sistema con punti di fissaggio rigidi consente non solo di trasferire a terra tutta la potenza e la straordinaria coppia del Pagani V12-R Evo, ma anche di offrire una precisione di guida senza precedenti.

L’elastocinematica evoluta e raffinata della nuova Hypercar consente, infatti, di ottenere maggior recupero di camber e una convergenza dinamica ottimizzata per garantire agli pneumatici il grip ideale in ogni circostanza. Interconnesse col sistema di aerodinamica attiva, le sospensioni attive assicurano alla Huayra R Evo la risposta adeguata in ogni condizione, favorendo il perfetto bilanciamento in inserimento, percorrenza e uscita di curva e massima stabilità in frenata, per un comportamento preciso e sempre prevedibile.

 

Impianto frenante ancora più performante

I nuovi dischi carbo-ceramici CCM-R autoventilati accoppiati a pastiglie racing donano alla Huayra R Evo una potenza di frenata di prim’ordine. Il sistema dei freni anteriori è caratterizzato da un incremento del 100% della superficie dei canali di ventilazione nei dischi grazie alle doppie file di fori asolati, e del 14% dell’area di contatto tra disco e pastiglie. Questo incremento riduce la potenza termica specifica assorbita dalla pastiglia, migliorando ulteriormente la stabilità sotto carico e la durata del disco.

I nuovi CCM-R incarnano la più avanzata tecnologia disponibile e presentano notevoli vantaggi in termini di conducibilità termica e massima potenza frenante, tipici della matrice carboceramica utilizzata nel mondo delle competizioni. Di conseguenza migliora la stabilità, si riducono le temperature di esercizio nell’uso estremo in pista e tutto il sistema risulta più longevo.

Il nuovo impianto di Huayra R Evo è frutto della consolidata collaborazione tra Pagani Automobili e Brembo, votata da sempre a equipaggiare le Hypercar Pagani con lo stato dell’arte degli impianti frenanti, al fine di garantire massime prestazioni, un design perfettamente integrato, sicurezza e leggerezza senza precedenti.

 

Pneumatici P Zero™ Slick maggiorati per il massimo controllo in pista

La Huayra R Evo adotta i nuovi pneumatici P Zero™ Slick in dimensione 280/680 R19 all’anteriore e 345/725 R20 al posteriore, frutto di un completo percorso di sviluppo, a partire dalla struttura per supportare i severi carichi dinamici. Inoltre, l’aumento della larghezza in pianta ha permesso un allargamento dei confini prestazionali del veicolo e una maggiore durata in condizioni di utilizzo intenso. Creati specificatamente da Pirelli Motorsport e Pagani Automobili attraverso la metodologia della simulazione virtuale come stato recentemente per lo stradale Trofeo RS, gli pneumatici della Huayra R Evo sono in grado di offrire massima precisione e una sensazione di totale controllo a partire dal pilota gentleman grazie al nuovo tipo di mescola, assicurando un’eccezionale trazione in partenza e un comportamento stabile in frenata.

Disponibile nelle versioni Dry e Wet, studiate appositamente per permettere alla Huayra R Evo di aggredire l’asfalto in ogni condizione, il nuovo pneumatico di casa Pirelli è progettato per garantire il grip necessario da permettere precisione millimetrica in ogni curva e per allungare il suo utilizzo in modo consistente, al servizio delle prestazioni continuative ottimali della vettura.

 

 

 

CONTATTI STAMPA

Pagani Automobili

press.office@pagani.com

PAGANI AUTOMOBILI CELEBRA I SUOI PRIMI 25 ANNI IN MEDIO ORIENTE

  • Pagani Automobili festeggia a Dubai i suoi primi 25 anni con un evento dedicato a clienti e partner.
  • Per l’occasione debutta in MEA la Pagani Utopia.
  • In esposizione anche la Zonda F Roadster e la Huayra Roadster.

 

San Cesario sul Panaro, 15 dicembre 2023 – Si svolgono oggi i festeggiamenti del 25° anniversario di Pagani Automobili presso il prestigioso Bulgari Resort di Dubai, alla presenza di numerosi clienti e celebri esponenti della stampa locale e internazionale.

 

L’appuntamento segna un ulteriore passo nel percorso celebrativo del 25° Anniversario di Pagani, che ha visto un susseguirsi di eventi internazionali dedicati a tutti coloro che hanno creduto nel progetto di Horacio Pagani fin dall’inizio: clienti, colleghi, collaboratori e appassionati. L’evento di Dubai, nello specifico, è dedicato ai clienti e ai partner delle aree di Medio Oriente e Africa.

 

Horacio Pagani non ha solo sognato e costruito Hypercar tra le più amate al mondo, ma ha fatto dell’azienda un Atelier creativo in cui una comunità di persone si riconosce, condivide azioni e pensieri, affronta le grandi complicazioni della meccanica, maneggia la bellezza e si lascia guidare dall’ispirazione.

 

A questo link il comunicato stampa dedicato alle celebrazioni del 25° Anniversario.

 

Il debutto della Utopia in MEA

Protagonista assoluta è la Utopia, vettura che apre il terzo atto della storia del marchio, al suo debutto nella regione del Medio Oriente e Africa. La nuova Hypercar è caratterizzata da un design semplice e senza tempo, che incarna un’idea automobilistica visionaria e in controtendenza. L’ispirazione è il più puro principio leonardesco di Arte e Scienza, che mira alla realizzazione di un oggetto che unisca la più raffinata piacevolezza estetica alla più sofisticata tecnologia. Prodotta in soli 99 esemplari, la prima serie di Utopia Coupé è già stata assegnata ad una ristretta cerchia di appassionati.

 

Maggiori informazioni sulla Utopia sono disponibili a questo link.

 

In esposizione anche la Zonda F Roadster e la Huayra Roadster

Presentata al Salone di Ginevra del 2006, la Zonda F Roadster condivide con la sorella coupé tutte le finiture e gli allestimenti, in modo da rappresentare una concreta alternativa per il potenziale acquirente. L’adozione dei nuovi tessuti triassiali in fibra di carbonio ha permesso di riprogettare il telaio e di mantenere lo stesso peso della coupé (1.230 kg). Il risultato finale è una vettura altamente aerodinamica che ha fatto registrare un tempo di 7’29 sulla pista del Nürburgring. Prodotta solo nella versione Clubsport, poiché questo allestimento si è dimostrato di gran lunga più gradito rispetto all’originale, grazie anche all’aumento della potenza del motore a 650 CV, la Roadster F presenta un impianto frenante Brembo, con dischi autoventilanti in carbo-ceramica da 38 cm di diametro, sia davanti che dietro, e i cerchi in lega di alluminio e magnesio, di disegno Pagani e realizzati dalla APP-Tech, da 19 pollici di altezza all’anteriore e da 20 pollici al posteriore. Va infine ricordato che la Roadster F ha riscosso un notevole successo commerciale, tanto che i telai disponibili per la produzione hanno presto raggiunto il tutto esaurito.

 

Accanto alla Zonda F Roadster si trova la Huayra Roadster. Definita da Horacio Pagani come il suo «progetto più complicato», è una vettura quasi interamente a vista, con ogni parte meccanica visibile, orgogliosamente esposta. Presentata al Salone di Ginevra nel 2017, è la prima roadster di sempre a essere più leggera della versione coupé. Un obiettivo raggiunto attraverso la revisione completa di tutti i componenti e lo sviluppo di nuove formule di compositi avanzati, tra cui il Carbo-Triax HP52 combinato al carbo-titanio, che hanno permesso al team di ridurre il peso della vettura di 80 kg rispetto alla precedente coupé e di ottenere un incremento del 52% in termini di rigidezza. Per svilupparla sono stati necessari sei anni di duro lavoro, curando ogni minimo dettaglio. Il risultato finale è una vettura open-air prodotta in 100 esemplari secondo la più autentica filosofia Pagani.

 

 

PRESS CONTACTS

Pagani Automobili

press.office@pagani.com

PAGANI AUTOMOBILI SVELA IL NUOVO HEADQUARTER AMERICANO A CORAL GABLES: UN’ESCLUSIVA CELEBRAZIONE DI ECCELLENZA AUTOMOBILISTICA

  • Pagani Automobili ha inaugurato ufficialmente la sua nuova sede americana a Coral Gables, Florida, con una cerimonia esclusiva il 7 dicembre. 
  • L’apertura dello spazio segna un passo significativo nel piano di sviluppo della casa automobilistica, consolidando la sua costante crescita nel mercato americano.
  • La nuova sede non rappresenta solo uno spazio espositivo, ma un autentico portale che introduce l’eccellenza Pagani nel cuore degli Stati Uniti.

 

San Cesario sul Panaro, 11 dicembre 2023 – Pagani Automobili ha il piacere di annunciare l’inaugurazione ufficiale del suo nuovo headquarter sito a Coral Gables, Miami. La cerimonia di apertura, tenutasi il 7 dicembre, ha suscitato ammirazione e orgoglio tra gli estimatori americani del marchio.

 

Al taglio del nastro erano presenti Horacio e Christopher Pagani, Michael Staskin, CEO di Pagani America, Michele Mistò, Console Generale per l’Italia a Miami, e Vince Lago, Sindaco della città di Coral Gables.

 

L’evento segna un passo significativo nel piano di sviluppo di Pagani Automobili, finalizzato a consolidare la sua costante crescita nel mercato americano, oltre a rappresentare un’opportunità unica per gli appassionati di immergersi nell’universo esclusivo e raffinato delle creazioni Pagani.

 

In occasione dell’inaugurazione, Horacio Pagani ha dichiarato: «Questo è un giorno speciale per la nostra famiglia. Lavoriamo nelle Americhe da ormai un decennio, ed era giunto il momento che avessero una casa tutta loro. Le cose più importanti che abbiamo in Pagani non sono le auto, ma le persone che credono in quello che facciamo, che vivono questi momenti con noi. È questo che ci dà l’energia per continuare a lavorare con tanta passione e amore.»

 

La nuova sede americana non è solamente uno spazio espositivo, ma un autentico hub che incarna l’essenza distintiva del brand. Gli arredi di uffici e spazi espositivi, disegnati e realizzati da Pagani Arte, si integrano armoniosamente in un contesto di tecnologia avanzata, offrendo ai clienti un’esperienza personalizzata senza eguali.

 

Nel corso della cerimonia venti prestigiose vetture sono state le assolute protagoniste; tra queste la Huayra Tricolore, la Zonda Tricolore e, per la prima volta insieme negli Stati Uniti, due delle cinque Zonda Cinque coupé esistenti al mondo. La mostra ha incluso anche l’unico esemplare di Huayra Codalunga nelle Americhe, insieme alle rarissime Huayra NC e Zonda MD.

 

Saranno diverse le vetture esposte nel nuovo showroom: la Huayra Coupé lascerà gradualmente il palcoscenico ad altri affascinanti modelli, garantendo così continua freschezza e stimolo non solo per gli affezionati clienti, ma anche e soprattutto per chi ama intensamente i motori, l’arte e la bellezza.

 

All’interno dell’headquarter è stato inoltre appositamente concepito un affascinante shop integrato, mirato a soddisfare le molteplici aspettative di un pubblico estremamente variegato. Questo elegante spazio si presenta come un portale avvincente, progettato per offrire un’immersione completa nell’inconfondibile bellezza Pagani. Le sue collezioni di abbigliamento, modellismo, pelletteria e accessori sono esposte con cura, costituendo una testimonianza tangibile della filosofia distintiva del marchio. L’assortimento di prodotti proposti all’interno di questo straordinario shop rappresenta un’opportunità imperdibile sia per gli appassionati del marchio che per coloro che apprezzano la fusione di passione e dettagli all’avanguardia. Ogni articolo esposto non è solo un semplice prodotto, ma una rappresentazione tangibile della dedizione artigianale e dell’innovazione che caratterizzano l’universo Pagani.

 

«Nel nuovo headquarter, l’arte dell’eleganza e dell’innovazione si uniscono in un legame avvincente, creando un ambiente che va oltre la mera esposizione di automobili straordinarie. Questo spazio si configura come un autentico portale che non solo accoglie, ma invita calorosamente la famiglia allargata Pagani a immergersi profondamente nell’anima vibrante dell’Atelier di San Cesario, portando con sé l’eccellenza del marchio nel cuore degli Stati Uniti» ha raccontato Michael Staskin, Ceo di Pagani America. «Questo atto non è solo un ampliamento della nostra famiglia, ma un’affermazione decisa della nostra dedizione a diffondere in modo travolgente i principi fondamentali che definiscono la Casa Pagani. In particolare, l’importanza del mercato americano non può essere sottolineata abbastanza, poiché i nostri clienti statunitensi giocano un ruolo cruciale nel plasmare e alimentare il nostro spirito innovativo. Ogni veicolo che attraversa la soglia di questa sede rappresenta non solo una macchina di ingegneria straordinaria, ma anche un ponte tra continenti, un simbolo tangibile della connessione speciale tra la maestria artigianale italiana e l’entusiasmo dei nostri clienti americani.»

 

L’inaugurazione a Coral Gables si configura pertanto come un atto significativo, consolidando ancor più il profondo legame con la comunità degli appassionati americani e sottolineando l’incessante impegno nel fornire veicoli straordinari che incanalano la quintessenza della perfezione artigianale e l’eccellenza ingegneristica. Questa nuova tappa nella storia di Pagani Automobili riflette il costante impegno della Casa a superare i propri standard e a offrire un’esperienza automobilistica senza pari, alimentata dalla dedizione alla qualità in ogni dettaglio e dalla continua ricerca dell’innovazione.

 

 

 

PRESS CONTACTS

Pagani Automobili

press.office@pagani.com

AL MAUTO LA NUOVA TAPPA CELEBRATIVA DEL 25° ANNIVERSARIO DI PAGANI AUTOMOBILI

  • La mostra esplora la storia di Pagani Automobili e la sua distintiva artigianalità, da sempre basata sull’incontro tra cuore, mani e passione.
  • Per Pagani Automobili celebrare il 25° anniversario significa, prima di tutto, ringraziare le persone che hanno creduto nel progetto fin dall’inizio: i clienti, i colleghi, i collaboratori e i numerosi appassionati sparsi nel mondo.
  • Protagoniste le tre Hypercar che hanno segnato la storia del marchio: Zonda, Huayra e Utopia.
  • Il percorso museale comprende approfondimenti storici, tecnici, video e una suggestiva galleria di fotografie dedicata alle persone che rendono possibile la maestria artigianale di un’eccellenza del Made in Italy.

 

 

 

San Cesario sul Panaro, 4 dicembre 2023 – Pagani Automobili è lieta di annunciare la prosecuzione delle celebrazioni del suo 25° Anniversario con una nuova e suggestiva tappa presso il MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile a Torino.

 

«Con grande piacere il MAUTO partecipa alle celebrazioni per i 25 anni di Pagani Automobili, ospitando una mostra che racconta la tradizione artigianale di un marchio oggi famoso nel mondo per la sua tendenza innovatrice.» (Lorenza Bravetta, Direttrice del MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile)

 

Dal 5 dicembre 2023 al 14 gennaio 2024 i visitatori potranno ammirare la mostra “25 anni di Cuore, Mani e Passione”, allestita al primo piano del MAUTO, che ripercorre l’avventura di Horacio Pagani, iniziata negli anni ’60 in Argentina e proseguita nel cuore della Motor Valley, in cui il sogno di un fanciullo si è trasformato in una realtà produttiva stimata in tutto il mondo.

 

Protagonisti della rassegna celebrativa sono i modelli che rappresentano le pietre miliari della storia di Pagani Automobili fino a oggi: Zonda, Huayra e Utopia, ognuna accompagnata da un espositore che racconta l’evoluzione della storica partnership con Pirelli. Faranno da cornice a queste Hypercar alcune suggestive immagini del libro fotografico Cuore, mani e passione realizzato per l’anniversario.

 

«Il nostro è un metodo di lavoro particolare: coltiviamo il dubbio anche su ciò che consideriamo acquisito, siamo pronti a mettere in discussione le nostre scelte, senza timore di cambiare prospettiva. È così che maturiamo, acquisiamo e trasmettiamo conoscenza. Cerchiamo di vivere la passione per la bellezza, la qualità e la disciplina, con lo sguardo sempre rivolto al futuro. Il nostro desiderio è di realizzare Hypercar su misura, così che ogni cliente possa sentirsi a casa quando entra in una Pagani, che possa riconoscere l’automobile come fosse una propria estensione, che possa rivedere se stesso nella vettura che ha contribuito a creare.» (Horacio Pagani, Founder & Chief Designer di Pagani Automobili)

 

Le celebrazioni del 25° anniversario di Pagani Automobili si stanno svolgendo con eventi internazionali dedicati a tutte le persone che hanno creduto nel progetto di Horacio Pagani fin dall’inizio: i clienti, i colleghi, i collaboratori e i numerosi appassionati sparsi nel mondo.

 

Le tre icone firmate Pagani

La Zonda C12 è la capostipite della storia di Pagani Automobili. Debutta il 9 marzo 1999 al Salone di Ginevra ed è accolta da subito come elemento di rottura nel panorama automobilistico dell’epoca, tanto da meritare la coniazione ad hoc del termine Hypercar. Una vettura considerata avanguardistica e rivoluzionaria, tanto per il design quanto per i contenuti tecnologici. La Zonda è stata realizzata in 140 esemplari, ognuno creato come un abito sartoriale per il proprio cliente. L’estrema esclusività ha permesso a queste vetture di aumentare notevolmente il proprio valore di acquisto iniziale, rivelandosi ottimi investimenti per coloro che hanno creduto nel sogno di Horacio Pagani.

 

In esposizione lo pneumatico Pirelli P Zero™ Corsa HP, sviluppato per valorizzare le prestazioni elevate della Pagani Zonda HP Barchetta nella guida sportiva, offrendo contemporaneamente comfort a bordo.

Il P Zero™ Corsa attinge materiali e innovazioni derivate dall’esperienza di Pirelli nel motorsport.

 

Sotto i riflettori anche Huayra Coupé, il secondo modello della casa di San Cesario, nato dodici anni dopo la Zonda. Alla base del progetto, che ha richiesto otto anni di sviluppo e sperimentazione, vi è l’eterno elemento dell’aria, in tutte le sue forme; il vento, in particolare, diventa determinante per la definizione del concept e dello stile della Hypercar.

Con Huayra debutta il primo sistema di Aerodinamica Attiva di tutti i tempi, con i quattro flap che si alzano o abbassano in funzione della velocità. Inoltre, Huayra è dotata di un telaio realizzato con l’innovativo Carbo-Titanium, composto da fibre di carbonio intrecciate con tessuto di titanio che risulta in un materiale ancora più resistente. Erede della Zonda, sebbene completamente diversa per forma, dimensioni, dinamica e tecnologia, Huayra si è aggiudicata nel tempo numerosi riconoscimenti: Car of the Year per “EVO Magazine”, Performance Car of the Year per “CAR magazine” e Hypercar of the Year per “BBC’s Top Gear”.

 

In esposizione lo pneumatico Pirelli P Zero™ Trofeo R, uno pneumatico semi-slick ma omologato per l’uso stradale. La versione sviluppata per la Pagani Huayra ha lo scopo di esaltare le qualità della Hypercar grazie a un’impronta a terra capace di offrire la necessaria resistenza per sostenere il carico aerodinamico imposto dalla vettura. Risultati confermati dal record ottenuto con i P Zero™ Trofeo R dalla Pagani Huayra Roadster BC sul leggendario circuito di Spa-Francorchamps.

 

Infine, i visitatori del MAUTO potranno osservare da vicino il terzo atto di questa storia leggendaria: il modello di stile della nuova Utopia, l’ultima nata dall’Atelier Pagani. È una vettura dal design semplice e senza tempo, che racconta un’idea automobilistica visionaria e in controtendenza. L’ispirazione è il più puro principio leonardesco di Arte e Scienza, che mira alla realizzazione di un oggetto che unisca la più raffinata piacevolezza estetica alla più sofisticata tecnologia. Prodotta in soli 99 esemplari, la prima serie di Utopia Coupé è già stata assegnata ad una ristretta cerchia di appassionati.

 

In esposizione lo pneumatico Pirelli P Zero™ Trofeo RS, la più recente evoluzione dello pneumatico semi-slick, scelto come equipaggiamento opzionale per la Pagani Utopia. È stato progettato per un’esperienza di guida sportiva su strada e in pista. Grazie a una particolare mescola battistrada ottenuta dall’esperienza di Pirelli nelle massime categorie del motorsport, il P Zero™ Trofeo RS consente di ottenere elevate performance su asfalto asciutto. A questo si aggiunge una costanza di rendimento, così da offrire velocità e sicurezza per diverse sessioni in circuito.

 

Mostra fotografica “Cuore, Mani e Passione”

Horacio Pagani non ha solo sognato e costruito Hypercar tra le più amate al mondo, ma ha fatto dell’azienda un Atelier creativo in cui una comunità di persone si riconosce, condivide azioni e pensieri, affronta le grandi complicazioni della meccanica, maneggia la bellezza e si lascia guidare dall’ispirazione.

 

È proprio il trittico di ‘cuore, mani e passione’ a unire una serie di scatti fotografici suggestivi che illustrano al meglio un ecosistema creativo fatto di persone che uniscono ingegno e manualità per esaudire i sogni di chi desidera un’automobile su misura per sé.

 

I materiali compositi più avanzati sviluppati da Pagani Automobili

I componenti in fibra di carbonio e Carbo-Titanium esposti al MAUTO mostrano uno dei tratti distintivi delle creazioni di Pagani Automobili. Il fondatore è stato un vero pioniere nel settore dei materiali compositi, esplorati fin dagli anni Ottanta in Lamborghini.

 

Il risultato degli anni di ricerche e sperimentazioni ha portato la Pagani Automobili a creare tessuti innovativi in fibra di carbonio, con caratteristiche meccaniche costantemente migliorate e sempre più esteticamente piacevoli, grazie al particolare disegno della trama. Gli ultimi sviluppi hanno condotto alla creazione del Carbo-Titanium HP62-G2 e del Carbo-Triax HP62, che assicurano leggerezza e resistenza ai massimi livelli.

 

I processi di produzione della fibra di carbonio incarnano la definizione di ‘Atelier’ per lo stabilimento delle Hypercar Pagani: l’estrema personalizzazione, la precisione rigorosa e la raffinata competenza artigianale rendono questo luogo più simile a una sartoria che a una fabbrica.

 

 

PRESS CONTACTS

Pagani Automobili

press.office@pagani.com

 

 

AGGIORNAMENTO: In risposta al considerevole entusiasmo manifestato dai nostri visitatori, siamo lieti di annunciare l’estensione della mostra temporanea “25 anni di Cuore, Mani e Passione” presso il MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile fino al 7 aprile 2024.

PAGANI IMOLA ROADSTER, PRESTAZIONI A CIELO APERTO

  • Pagani Automobili presenta Imola Roadster, una versione a cielo aperto sviluppata per esprimere la massima tecnologia meccanica e aerodinamica garantendo un’esperienza di prestazioni senza compromessi.
  • La produzione sarà estremamente limitata: solo otto esemplari, omologati per l’uso stradale in tutto il mondo.
  • Le linee audaci si ispirano a Huayra R, l’hypercar realizzata per il solo uso su pista.
  • Imola Roadster nasce da un sofisticato studio aerodinamico dei flussi d’aria e delle forme della carrozzeria, che aumentano la deportanza in ogni condizione di guida.
  • Il motore Pagani V12 è ulteriormente evoluto: offre 850 CV a 5.600 giri/min e 1.100 nm di coppia da 3.600 a 5.600 giri/min.
  • Tutta la passione, l’eleganza e l’avanguardia tecnologica di Pagani in soli 1.260 kg.

 

 

San Cesario sul Panaro, 23 novembre 2023 – Pagani Automobili presenta Imola Roadster, nuova creazione few-off della divisione Grandi Complicazioni. Il design mostra un carattere distintivo e le specifiche tecniche la rendono una vettura che non teme la pista, anche se gli otto esemplari prodotti saranno omologati per la guida stradale in tutto il mondo. È la vettura a cielo aperto più performante che il brand abbia mai creato.

 

Design e aerodinamica ispirati a Huayra R 

Lorenzo Kerkoc – Head of Pagani Grandi Complicazioni, afferma: «Inizialmente desideravamo creare una gemella a cielo aperto della Imola Coupé, la vettura celebrativa del leggendario circuito automobilistico presentata nel 2020. Poi abbiamo preso un’altra strada: abbiamo coniugato la sofisticata tecnologia della Huayra Roadster BC con i principi di design e aerodinamica insiti nella vettura da pista Huayra R. Il risultato è stato una Imola Roadster molto più evoluta e complessa».

 

Il motore più potente richiede un maggiore raffreddamento, quindi la squadra ha svolto un meticoloso lavoro sui radiatori e sulla dinamica dei flussi d’aria interni, che hanno contribuito all’affidabilità e alle prestazioni della Imola Roadster.

 

Due novità ottimizzano il raffreddamento: l’allargamento delle due prese d’aria frontali e la doppia uscita di scarico per l’aria calda, una nascosta nel passaruota ed una laterale al paraurti, segno distintivo del modello Imola.

 

Le aperture sui passaruota portano più vantaggi, come la riduzione della pressione sotto l’avantreno a beneficio della stabilità aerodinamica e il miglioramento del flusso d’aria verso le appendici aerodinamiche posteriori.

 

Ben visibile in cima alla lunga silhouette, l’airscoop massimizza l’efficacia di aspirazione del Pagani V12; l’imponente pinna centrale risparmia le onde e stabilizza la vettura. Per la prima volta, l’airscoop e i supporti dell’alettone posteriore sono integrati con il cofano.

 

Nella parte posteriore si rinnova il corpo del gruppo luci, come nuovi sono gli sfoghi d’aria, che estraggono l’aria calda proveniente dal passaruota: così, allo stesso tempo migliorano il raffreddamento dei freni posteriori e la deportanza, ovvero la forza aerodinamica che spinge il veicolo verso il suolo aumentando la tenuta di strada. L’imponente estrattore bilancia l’effetto suolo generato dal profilo pronunciato dello splitter anteriore.

 

Efficienza aerodinamica ai massimi livelli

Ogni linea e superficie della Imola Roadster nasce con l’obiettivo di raggiungere 600 kg di deportanza a 280 km/h per un comportamento sicuro e affidabile in ogni situazione.

 

La squadra di ingegneri e designer ha cercato l’equilibrio tra un raffinato sistema di flussi interni e un profilo esterno deportante in qualsiasi condizione di guida, così che ogni superficie risultasse tanto funzionale per le prestazioni quanto esteticamente piacevole, seguendo il principio leonardesco di Arte e Scienza che ha guidato la creazione della Imola Roadster come quella di ogni Hypercar Pagani.

 

L’accelerazione laterale è sorprendente: 2,0 g in percorrenza costante, con picchi di 2,2 g e decelerazione longitudinale di 2,2 g.

 

Telaio e materiali

Pagani Automobili sviluppa materiali compositi avanzati da trent’anni; la Imola Roadster rappresenta il culmine di una ricerca sempre orientata al perfezionamento. La monoscocca è realizzata in Carbo-Titanium HP62-G2 e Carbo-Triax HP62, ancora più rigida per garantire al pilota l’esperienza di guida di una vettura da competizione. Non solo: migliora anche la sicurezza.

 

Il peso è un elemento cruciale per definire l’efficienza e il piacere di guida: i principi strutturali e gli innovativi materiali compositi permettono alla nuova nata di fermarsi a 1.260 kg a secco, un risultato ottenuto grazie alla cura di ogni dettaglio.

 

Anche l’innovativa verniciatura contribuisce allo sforzo di alleggerimento: il sistema Acquarello Light permette alla Imola Roadster di ridurre il peso di ulteriori 5 kg, mantenendo inalterate l’intensità del colore, la profondità e la lucentezza.

 

Handling da prima della classe

La Imola Roadster beneficia dei quattro flap che agiscono in maniera indipendente tra loro, come in tutte le Huayra; si adattano a seconda delle esigenze di guida per compensare il bilancio aerodinamico al beccheggio in frenata e al rollio in curva. È un sistema che lavora in sinergia con le sospensioni attive e contribuisce alla stabilità del veicolo.

 

Le sospensioni della Imola Roadster sono tra gli aspetti di cui Pagani Automobili è più orgogliosa: è un gruppo composto da doppi bracci a triangolo indipendenti in lega di alluminio, molle elicoidali e ammortizzatori controllati elettronicamente. L’elettronica delle sospensioni è uno dei fiori all’occhiello della vettura, grazie alla presenza dei microprocessori più potenti nel settore. Quest’evoluzione permette di ridurre efficacemente gli effetti di dive, squat e roll, così che il pilota abbia un controllo della guida superiore e la sicurezza raggiunga un nuovo livello.

 

Gruppo motopropulsore aggiornato

La Imola Roadster deve parte della sua magia all’evoluzione del Pagani V12 sviluppato specificatamente da Mercedes-Benz AMG di 5.980 cc, che eroga 850 CV con 1.100 nm di coppia; una potenza che la vettura trasferisce alla strada grazie al cambio Pagani by Xtrac, sequenziale trasversale a sette rapporti, dalla straordinaria reattività, disponibile sia in versione automatica sia manuale.

 

Sistema di scarico inconfondibilmente Pagani

L’impianto di scarico rivela l’inconfondibile personalità Pagani, questa volta a sei vie, di derivazione racing. È realizzato in titanio e rivestito in ceramica con un sofisticato sistema di fusione al plasma, così è più leggero e dissipa il calore in maniera più efficiente. La prestazione aerodinamica è massima, l’esperienza uditiva sorprende.

 

Pneumatici e cerchi

Con Imola Roadster prosegue la ultradecennale collaborazione e partnership tra Pirelli e Pagani Automobili che dà vita agli pneumatici Pirelli P Zero Trofeo R nelle dimensioni 265/30 R20 all’anteriore e 355/25 R21 al posteriore, anche grazie all’efficace sviluppo virtuale.

 

Sono pneumatici che assicurano livelli di aderenza e prestazioni mai visti prima su una vettura omologata per la circolazione stradale. Grazie alla tecnologia Multi-Compound è stato possibile elaborare su misura le caratteristiche della mescola ideale per Imola Roadster, migliorando il grip attraverso l’ottimizzazione del profilo, mentre con i nuovi processi costruttivi usati in F1 si è ottenuta una precisione geometrica senza precedenti.

Il risultato: prestazioni all’estremo sull’asciutto, accompagnate da una migliore costanza di rendimento. Anche nell’uso più intenso, le prestazioni si mantengono più a lungo, così da offrire velocità e sicurezza per diverse sessioni in circuito. È un risultato raggiunto grazie all’esperienza ultracentenaria di Pirelli nelle massime categorie del motorsport.

 

I materiali sviluppati, tra cui in particolare la mescola battistrada, mettono a frutto questo know-how adattandolo alla guida su strada e amatoriale in pista.

 

Nel realizzare uno pneumatico omologato per la circolazione stradale gli ingegneri Pirelli si sono concentrati anche sull’offrire sicurezza in condizioni di asfalto bagnato.

 

Infine, i cerchi sviluppati assieme ad APP vengono ricavati da un forgiato in Avional; leggeri e con un design aggressivo a 7 razze, sono il frutto di un elaborato processo di forgiatura e lavorazione meccanica per risparmiare ogni possibile grammo, accompagnato da una sapiente finitura manuale.

 

Un viaggio che supera il tempo

Gli interni della Imola Roadster superano i confini del tempo; si ispirano al glorioso passato e proiettano verso il futuro degli sport motoristici e del granturismo.

 

Salire a bordo conduce in un’altra dimensione, il tempo si ferma, la contemplazione dei dettagli rapisce. Ogni dettaglio cattura l’attenzione, la preziosa abilità degli artigiani di Pagani si rivela fino al più piccolo particolare.

 

La Imola Roadster desidera appagare chi ne fa esperienza, ancora prima di accendere il motore: il carbo-legno, la pelle finemente goffrata, le componenti che mostrano il fascino della natura meccanica… La soddisfazione di tatto e vista è immediata.

 

Neanche l’udito è trascurato: l’impianto audio a sette canali con il nuovo bass reflex sui pannelli porta dona un’esperienza sonora immersiva e cristallina.

 

Quando la contemplazione sarà saziata, non resterà che assumere la posizione più confortevole sui sedili monoscocca in fibra di carbonio, allacciare la cintura a quattro punti in stile racing, avviare il Pagani V12 e inserire la prima marcia.

 

Sarà l’inizio di un nuovo viaggio entusiasmante.

 

La divisione Grandi Complicazioni

Per natura, alcune invenzioni tecnologiche richiedono una progettazione così complessa che possono essere realizzate solo in limitatissime quantità. Anche un solo esemplare.

 

Nel mondo dell’Alta Orologeria si chiamano Grandi Complicazioni e Pagani Automobili prende in prestito questo nome per la divisione dedicata ai progetti speciali: si tratta di vetture realizzate in serie ultra-limitata, che presentano tecnologie talmente complesse che solo pochi maestri artigiani sono in grado di portare a compimento.

 

Questa divisione propone un’infinita possibilità di personalizzazioni: colori, finiture, materiali e forme progettate in totale sinergia tra clienti e artigiani, così da soddisfare ogni desiderio e realizzare un oggetto integralmente su misura.

 

 

 

Caratteristiche tecniche

 

PESO A SECCO 1.260 kg
POTENZA 850 CV (625 kW) a 5.600 giri/min a 18 °C
COPPIA 1.100 nm da 3.600 a 5.600 giri/min
MOTORE Pagani V12 60° 5980 cc biturbo, sviluppato su misura da Mercedes-AMG
CAMBIO Pagani by Xtrac trasversale a 7 rapporti AMT (Automated Manual Transmission) con differenziale elettromeccanico
TRASMISSIONE Trazione posteriore
TELAIO Monoscocca in Carbo-Titanium HP62-G2 e Carbo-Triax HP62 con telaietti tubolari anteriore e posteriore in lega di acciaio al CrMo
SOSPENSIONI Doppio braccio oscillante indipendente in lega di alluminio forgiato con molle elicoidali e ammortizzatori controllati elettronicamente
FRENI Impianto frenante Pagani by Brembo a 4 dischi carbo-ceramici ventilati da 398×36 mm con pinze monolitiche a 6 pistoni nella parte anteriore e da 380×34 mm con pinze monolitiche da 4 pistoni nella parte posteriore
CERCHI APP 7 razze forgiati in lega di alluminio monolitica, da 21 pollici anteriori e 22 pollici posteriori
PNEUMATICI Pirelli P Zero Trofeo R

265/30 R20 anteriori e 355/25 R21 posteriori

VELOCITÀ MASSIMA 350 km/h (217,48 mph) autolimitata

 

PRESS CONTACTS  

Pagani Automobili

press.office@pagani.com

PAGANI PARTECIPA AD AUTO E MOTO D’EPOCA A BOLOGNA

 

  • Dal 26 al 29 ottobre Pagani Automobili sarà presente a Bologna con due aree espositive.
  • Nel primo stand si celebra il 25° anniversario del brand con l’esposizione di Zonda C12 (1999) e Huayra Coupé (2011).
  • Nella seconda area presente l’Horacio Pagani Museo con Huayra Codalunga (2022).

 

San Cesario sul Panaro, 19 Ottobre, 2023 – Pagani Automobili è lieta di annunciare la sua partecipazione ad Auto e Moto d’Epoca, uno degli appuntamenti più importanti a livello internazionale dedicato al motorismo storico, in programma a Bologna dal 26 al 29 ottobre.

 

Ad Auto e Moto d’Epoca, Pagani Automobili sarà presente con due aree espositive: una dedicata al 25° Anniversario, impreziosita dalle iconiche Zonda C12 (1999) e Huayra Coupé (2011), l’altra invece riservata all’Horacio Pagani Museo con protagonista Huayra Codalunga (2022), autentico tributo ai carrozzieri italiani e alle auto da corsa degli anni 60. 

 

Con la rassegna bolognese, dunque, proseguono le celebrazioni del 25° Anniversario del brand, che ha visto il suo momento clou nell’evento tenutosi, dal 16 al 18 giugno, nel cuore di Modena, dove questa bella pagina della Motor Valley italiana è iniziata. 

 

Zonda C12 e Huayra Coupé, due pietre miliari del 25° anniversario Pagani 

Il primo stand allestito ad Auto e Moto d’Epoca ripercorre i momenti salienti del quarto di secolo di Pagani Automobili, con l’esposizione di due icone della sua storia: Zonda C12 e Huayra Coupé. La prima è la leggendaria vettura che debuttò il 9 marzo 1999 al Salone di Ginevra, accolta da subito come elemento di rottura nel panorama automobilistico dell’epoca, tanto da meritare la coniazione ad hoc del termine Hypercar. Una vettura sotto alcuni punti di vista futuristica e rivoluzionaria, con il suo parabrezza curvo e profondo e l’abitacolo rivolto in avanti come quello di un cacciabombardiere, concepita per emozionare fin dal primo istante. La Zonda è stata realizzata in 140 esemplari stradali, ognuno creato come un abito attorno ai gusti del proprio cliente. L’estrema esclusività ha permesso a queste vetture di aumentare notevolmente il proprio iniziale valore di acquisto, rivelandosi perciò ottimi investimenti per coloro che ci hanno creduto.

 

Sotto i riflettori anche Huayra Coupé, il secondo modello della casa di San Cesario nato dodici anni dopo la Zonda. Alla base del progetto, che ha richiesto ben otto anni di sviluppo e sperimentazione prima del suo esordio ufficiale, vi è l’eterno elemento Aria, in tutte le sue forme – il vento in modo particolare – che diventa determinante per la definizione del concept e dello stile di Pagani Huayra. Tra le maggiori novità il debutto, per la prima volta su una vettura, del sistema di Aerodinamica Attiva con i quattro flap, che si alzano o abbassano in funzione della velocità.

Inoltre, Huayra è dotata di un telaio realizzato con l’innovativo Carbo-titanio, ovvero fibre di carbonio intrecciate con tessuto di titanio, così da ottenere un materiale ancora più resistente. Erede della Zonda, sebbene completamente diversa per forma, dimensioni, dinamica e tecnologia, Huayra si è aggiudicata nel tempo numerosi riconoscimenti e nel 2012 è nominata Car Of The Year dalle tre più importanti riviste automobilistiche a livello mondiale.

 

Horacio Pagani Museo e Huayra Codalunga, un continuo dialogo tra passato e presente

In risalto, nel secondo stand, il rapporto essenziale tra passato e presente del brand, mettendo a contatto il fascino della recente Huayra Codalunga (2022) e l’importante valore storico dell’Horacio Pagani Museo ubicato a San Cesario Sul Panaro. 

 

Adiacente all’Atelier di produzione, infatti, il sito museale ripercorre tutte le tappe del designer italo-argentino: dagli anni in Argentina all’arrivo in Lamborghini, dalla fondazione di Modena Design a quella di Pagani Automobili nel 1998. Qui sono esposti i primissimi esemplari di Zonda, le iconiche Zonda Cinque, Zonda HP Barchetta Revo e Huayra. Un’esperienza che parte dal Museo e prosegue all’interno dell’Atelier di produzione, dove è evidente la continuità con i primi modellini in legno di balsa agli ultimi studi sulla fibra di carbonio e materiali compositi. Al seguente link sono disponibili tutte le informazioni per visitare l’Atelier e l’Horacio Pagani Museo.

 

Creata in soli cinque esemplari dalla Pagani Grandi Complicazioni, la divisione dedicata alle vetture one-off e few-off, la Huayra Codalunga è stata realizzata coinvolgendo i clienti nell’intero progetto di sviluppo. La sua storia inizia nel 2018 quando due collezionisti chiesero a Horacio Pagani e al suo team di realizzare una versione codalunga partendo dalla Pagani Huayra Coupé, con l’idea di una Hypercar tanto elegante quanto semplice e pulita nel design, un modello che si sentisse protagonista su strada così come in esposizione ai Concorsi internazionali. L’auto in mostra si contraddistingue per la particolare verniciatura semi-opaca di colore celeste, che rimanda alle livree delle auto degli anni Sessanta. La vernice esterna entra nell’abitacolo colorando i pannelli, mentre gli elementi strutturali mantengono la fibra di carbonio a vista. I rivestimenti invece riprendono l’artigianalità impiegando pelli invecchiate e intrecci di pelle e scamosciato. In particolare, i sedili adottano un intreccio di pelle/nabuk e le parti ricavate dal pieno ricordano la manualità del passato, dove l’artigiano lucidava ogni componente a mano. Lavorazione che ancora oggi viene eseguita e tramandata dagli esperti della Motor Valley, culla delle auto sportive mondiali.

 

PRESS CONTACTS  

Pagani Automobili

press.office@pagani.com

 

PAGANI AUTOMOBILI ALLA 7° EDIZIONE DELL’HISTORIC MINARDI DAY PER UN WEEKEND DI PASSIONE E MOTORI

  • Il 26 e 27 agosto, Pagani Automobili parteciperà all’Historic Minardi Day, un fine settimana dedicato agli appassionati di F1, monoposto, prototipi, GT e auto storiche.
  • Per tutto il weekend, sessioni in pista di Huayra R, Zonda R e Huayra Roadster BC.
  • Occhi puntati anche sull’esposizione di Zonda, Huayra e Utopia, vetture che celebrano il 25° anniversario 
    del brand modenese.

 

23 agosto 2023, San Cesario sul Panaro – Il 26 e 27 agosto torna l’Historic Minardi Day, l’evento dedicato agli appassionati e ai collezionisti di F1, monoposto, prototipi, GT e auto storiche. Giunta alla settima edizione, la kermesse ideata dalla famiglia Minardi, si svolgerà all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola.

 

Si potranno ammirare in pista Huayra R e Zonda R, estreme ma al tempo stesso contraddistinte dalla semplicità di guida tipiche di Pagani; e Huayra Roadster BC, vettura stradale capace di far registrare performance di rilievo. 

 

Durante tutto il weekend sarà esposta Utopia, la nuova hypercar Pagani che incarna un’idea automobilistica visionaria e in controtendenza, caratterizzata da un design semplice e irripetibile. Per raggiungere la forma finale ideale è stato necessario un processo estremamente complesso durato sei anni. Il motore V12 di Pagani, un 6 litri biturbo prodotto esclusivamente da Mercedes-AMG, è frutto di un enorme lavoro di sviluppo: eroga una potenza di 864 CV e soprattutto una coppia di 1100 Nm. Prodotta in soli 99 esemplari, Utopia è già stata completamente assegnata ad una ristretta cerchia di appassionati. 

 

Accanto ad essa altri due modelli iconici, Zonda C12 e Huayra, che insieme rappresentano le tre pietre miliari del brand. In particolare, proprio la Zonda racconta la storia fra un giovane designer ed il grande Juan Manuel Fangio, leggendario campione del mondo di F1, amico e mentore del sogno di Horacio Pagani. Non poteva quindi mancare in un evento che proprio nella F1 affonda le sue radici.

Protagonista dell’esposizione anche Huayra Codalunga, creata in soli cinque esemplari da Pagani Grandi Complicazioni, divisione dedicata alle vetture one-off e few-off. Presentata nel 2018, si distingue per il suo design elegante e semplice: i colori e i materiali richiamano nostalgicamente lo stile degli anni ‘60, con vernice esterna che invade l’abitacolo e rivestimenti artigianali di pelle/nabuk. Il cofano motore, più lungo di 360 mm rispetto alla Huayra Coupé, nasconde un prodigio di meccanica: il V12 Pagani che su questa serie è in grado di sviluppare 840 CV con 1.100 Nm di coppia. Inoltre, l’assenza di griglie posteriori permette di ammirare senza ostacoli l’impianto di scarico. Lo speciale rivestimento ceramico completa l’omaggio alle auto da corsa di Le Mans, e la sinfonia che si sprigiona dai quattro caratteristici terminali di scarico è un tributo alla passione automobilistica.

 

In esposizione Huayra Roadster HP. Questo modello one-off raccoglie in modo unico gli aspetti eleganti e sinuosi della Huayra Roadster con un’aerodinamica elaborata tra splitter e diffusore posteriore per gestire efficacemente le prestazioni del propulsore Pagani V12 6.0 L a doppio turbocompressore, in grado di erogare 840 CV di potenza e 1.100 Nm di coppia da 2.000 a 5.600 giri/m. Il telaio è costituito da monoscocca centrale in Carbo-Titanio HP62 G2 e Carbo-Triax HP62 più telaietti anteriore e posteriore in acciaio al cromo-molibdeno.

 

La partecipazione al Minardi Day è un’ulteriore tappa del viaggio dedicato al 25° Anniversario del brand. 

 

 

 

PRESS CONTACTS  

Pagani Automobili 

press.office@pagani.com

PAGANI AUTOMOBILI CELEBRA IL 25° ANNIVERSARIO CON UTOPIA ALLA MONTEREY CAR WEEK 2023

  • Pagani Automobili sarà protagonista della Monterey Car Week, l’appuntamento più atteso negli Stati Uniti dedicato al mondo delle auto storiche e moderne.
  • Proseguono così le celebrazioni del 25° Anniversario del marchio, all’insegna di quei valori autentici condivisi da clienti, collaboratori e appassionati sparsi nel mondo. 
  • Venerdì 18, presso l’esclusivo Quail Lodge & Golf Club, sarà esposta Utopia, prima volta in Nord America. Il nuovo stand Pagani accoglierà anche le iconiche Zonda e Huayra. 
  • Sabato 19 una parata di Hypercar Pagani attraverserà le colline di Monterey per raggiungere Seaside, sede dell’evento “Exotics on Broadway”, con più di 40.000 spettatori attesi.

 

 

9 agosto 2023, San Cesario sul Panaro – Dall’11 al 20 agosto andrà in scena la Monterey Car Week, l’appuntamento più atteso in California, dedicato al mondo delle auto storiche e moderne. Al prestigioso evento parteciperà Pagani Automobili, precisamente venerdì 18 e sabato 19, con le sue hypercars che emozionano al primo sguardo.  

 

La partecipazione al Monterey Car Week è l’ulteriore tappa del viaggio dedicato al 25° Anniversario del brand. 

 

Horacio Pagani non ha solo sognato e costruito hypercar affascinanti, ma ha fatto dell’azienda un Atelier creativo dove una comunità di persone si riconosce, condivide mani e pensiero, affronta le grandi complicazioni della meccanica, maneggia la bellezza e trova ispirazione reciproca. Gli stessi valori condivisi dalla sua famiglia “allargata” composta da clienti, colleghi, fornitori e i numerosi appassionati presenti nel mondo. 

 

Pagani Utopia in esposizione presso l’esclusivo Quail Lodge & Golf Club è caratterizzata da un design semplice e irripetibile. La nuova Hypercar, infatti, racconta un’idea automobilistica visionaria e in controtendenza. E lo fa tenendo fede al più puro spirito Pagani che nel principio leonardesco di Arte e Scienza trova, da sempre, l’elemento alla base delle sue creazioni. Prodotta in soli 99 esemplari, la prima serie di Utopia coupé è già stata completamente assegnata ad una ristretta cerchia di collezionisti. 

 

Accanto ad Utopia saranno esposti gli altri due modelli iconici dell’Atelier Pagani, Zonda e Huayra, che insieme rappresentano le tre pietre miliari di un percorso iniziato nel 1999 con il progetto C8 (Zonda), proseguito nel 2011 con il progetto C9 (Huayra) e arrivato l’anno scorso al terzo atto con il progetto C10 (Utopia). A cornice dell’esposizione due esemplari prestigiosi, una Zonda R e una Huayra R, nate con l’unico obiettivo di offrire performance senza compromessi.

 

Pagani Automobili si presenta a Quail con un nuovo allestimento, caratterizzato da un elemento ellittico che richiama il logo del brand e dall’iconico marchio dei quattro scarichi. Completano l’area espositiva una raffinata lounge e l’esclusivo store Pagani, dove acquistare i capi d’abbigliamento e gli accessori della nuova collezione 25° Anniversario. 

 

Le celebrazioni del 25° Anniversario alla Monterey Car Week proseguiranno sabato 19 agosto, con una spettacolare parata di vetture Pagani che raggiungeranno la città di Seaside, sede della “Exotics on Broadway”. Si tratta di un evento unico nel suo genere, dove il grande pubblico potrà ammirare, con ingresso gratuito dalle 13.00 alle 18.00, alcune delle auto più emozionanti del nostro tempo.

 

I due appuntamenti metteranno in risalto sia la forza immaginifica delle hypercars Pagani, creazioni capaci di coniugare i concetti di bellezza senza tempo e tecnologia d’avanguardia, sia il profondo legame che unisce da sempre il marchio italiano e gli appassionati nordamericani. 

 

Maggiori informazioni su Utopia sono disponibili a questo link, mentre qui è disponibile il comunicato stampa dedicato a Huayra R. Inoltre, a questo link il video del 25° Anniversario e qui il collegamento al comunicato stampa dedicato alle celebrazioni.

 

 

PRESS CONTACTS  

Pagani Automobili 

press.office@pagani.com

PAGANI AUTOMOBILI AL GOODWOOD FESTIVAL OF SPEED 2023: PROTAGONISTE UTOPIA E HUAYRA R

  • Esposte nello stand Pagani, Utopia e Huayra R
  • Le Hypercars modenesi saranno protagoniste in dinamica nella leggendaria “hill climb”.
  • Al debutto “P Zero Trofeo RS”, il nuovo pneumatico sviluppato da Pirelli per Utopia.

 

San Cesario sul Panaro, 6 giugno 2023 – Dal 13 al 16 luglio Pagani Automobili ritorna al Goodwood Festival of Speed, uno dei più famosi e attesi eventi dedicati al mondo dei motori. Ospitata nella Contea del West Sussex, la manifestazione riunisce centinaia di migliaia di appassionati.

 

Quest’anno Pagani Automobili sarà presente con due esemplari di Utopia e due di Huayra R. In particolare, la campagna inglese farà da cornice all’esclusivo stand Pagani dove poter ammirare queste Hypercars, entrambe contraddistinte da una livrea in fibra di carbonio a vista. Nel Supercar Paddock, invece, Utopia e Huayra R saranno pronte ad affrontare la “hill climb”, la gara in salita che ogni anno vede partecipare veicoli di ogni genere.

 

Utopia, un’idea automobilistica visionaria e in controtendenza
A catturare lo sguardo dei visitatori nello stand Pagani sarà l’affascinante Utopia con finitura in fibra di carbonio a vista, denominata “Dark Amber”, che nasce dall’unione tra la particolare colorazione Black Mamba e l’inserimento di piccoli “glitter” ambrati. La stessa impronta di esclusività degli esterni si ritrova nell’abitacolo dove spicca il rivestimento in Nabuk Sabbia e Pelle Grecale, con un particolare intrecciato sulla sezione centrale del sedile. Completano la silhouette i quattro scarichi in titanio, tratto distintivo dell’atelier modenese, che enfatizza il sound del motore biturbo Pagani V12 da 864 Cv e 1100 Nm di coppia, sviluppato appositamente da AMG.

 

Questa vettura debutta con i nuovi pneumatici P Zero Trofeo RS (21’’ all’anteriore e 22’’ al posteriore), sviluppati su misura per Utopia da Pirelli, altra novità di Goodwood 2023. Il ruolo degli pneumatici Pirelli è quello di elevare le prestazioni nella guida più sportiva rispetto al P Zero Corsa di primo equipaggiamento, senza compromettere l’equilibrio della vettura e il feeling dato al guidatore. Compito raggiunto anche grazie alle mescole scelte; in particolare, per gli pneumatici posteriori è stata adottata la più performante della gamma, capace di dare velocità e sicurezza in pista, facilità e prevedibilità nelle reazioni su strada. Inoltre, grazie all’utilizzo di un lungo processo di sviluppo virtuale, si è lavorato su un’ottimizzazione dell’impronta a terra per offrire più aderenza e controllo.
A questo link è disponibile uno speciale video dedicato al progetto.

 

Nel Supercar Paddock, pronta ad affrontare la “hill climb”, una Pagani Utopia equipaggiata con cambio manuale, che regala un’esperienza di guida all’insegna della purezza meccanica.
Il cambio Pagani by Xtrac, trasversale a sette rapporti, è in grado di trasferire a terra tutta la potenza e l’eccezionale reattività del Pagani V12. Non è stato semplice progettare un cambio del genere, con sincronizzatori e meccanismi adeguati a una pura applicazione manuale comunque in grado di gestire una coppia di 1100 Nm, ma era una caratteristica essenziale per Utopia.

Nulla può sostituire la padronanza dei cambi di marcia da parte del guidatore: la logica prevalente è solo sua, ogni cambiata è unica e dipende esclusivamente dalla sua decisione e dal suo buon senso, dalla natura della strada e dall’umore del momento.
Maggiori informazioni su Utopia sono disponibili a questo link.

 

Huayra R, l’hypercar da pista per veri appassionati di adrenalina
Ritorna a Goodwood la Huayra R, l’hypercar nata nel 2021 con l’unico obiettivo di offrire performance senza compromessi. Ispirata al fascino intramontabile delle automobili di Le Mans e dei campionati del mondo Sport Prototipi degli anni 60 e 70, la vettura unisce il più alto livello di ingegneria automobilistica e know-how aerodinamico con una sensibilità estetica senza precedenti.

 

L’esemplare esposto nello stand Pagani permette al grande pubblico di conoscere da vicino questa creazione, che rappresenta la quintessenza di performance, tecnologia ed arte applicata a una vettura da pista. Per godersi il fascino della guida estrema al volante di Huayra R e Zonda R, nasce il programma Arte In Pista con un calendario ricco di appuntamenti. Giunto alla seconda edizione, l’esclusiva esperienza prevede track day adrenalinici presso alcuni dei circuiti più famosi al mondo, con l’assistenza del Team Pagani e il supporto di driver professionisti.

 

La seconda Huayra R presente al Goodwood Festival of Speed darà spettacolo nella “hill climb”, anche grazie al rombo del motore Pagani V12-R aspirato di 6 litri, progettato in collaborazione con HWA, che eroga 850 Cv a 8250 giri/min, abbinato ad un cambio sequenziale a sei rapporti e innesti frontali. La colonna sonora di questa vettura da pista è infatti pura emozione, grazie al design unico dei collettori e dei quattro iconici terminali di scarico , che permette al V12-R di “cantare” al pari di una monoposto di F1 del passato. Un sound così coinvolgente che nel 2022 è stato insignito del titolo “Best Noise of the Year” dalla BBC TopGear.
Maggiori informazioni su Huayra R sono disponibili a questo link.

 

La presenza di Pagani Automobili a Goodwood segue la scia dei festeggiamenti avvenuti dal 16 al 18 giugno a Modena per il suo 25° anniversario: un grande evento ed un omaggio a clienti, colleghi, collaboratori, appassionati e a tutta la Motor Valley.
Il video celebrativo per i 25 anni di Pagani Automobili è disponibile al seguente link.

 

 

PRESS CONTACTS
Pagani Automobili
press.office@pagani.com